Valutare la partecipazione a sperimentazioni

Valutare la partecipazione a sperimentazioni

CONTESTO
partecipazione a sperimentazioniQuando le terapie mediche non danno risultati decisivi, si può valutare con i propri oncologi l’opportunità di partecipare ad uno studio sperimentale, adatto al caso specifico.  In questo modo, si può accedere a d un trattamento farmacologico o ad approcci terapeutici innovativi rispetto allo standard di cura fissato dai protocolli nazionali. Inoltre il paziente che partecipa ad una sperimentazione è sottoposto a frequenti controlli ed esami.
Per conoscere quali sono le sedi di una sperimentazione vedere al LINK.
Esiste un database mondiale di studi clinici pubblici e privati, ClinicalTrials.gov in cui è possibile ricercare anche gli studi attivi in Italia, oltre che nel resto del mondo.


Buongiorno dottore.

Mio marito di 50 anni è affetto da adenocarcinoma polmonare KRAS G12C, PD L1 minore 1%, TTF1 +, 4° stadio con numerose metastasi celebrali.
La diagnosi è dell’ agosto 2019.
Ha effettuato dieci sedute di radioterapia WBRT, è stato sottoposto a chemio con quattro dosi di cisplatino e tredici dosi di pemetrexed.
A fine giugno è stato sottoposto a radiochirurgica su una nuova metastasi celebrale e alla RMN di controllo di fine agosto 2020 hanno trovato due nuove lesione millemetriche, che hanno deciso di non trattare per il momento.
Tutti i trattamenti sono stati ben tollerati ed è attualmente in buone condizioni generali.

La situazione polmonare all’ultima tac sembra stabile.

Vorrei sapere se, oltre alla radioterapia, esiste qualche altro trattamento che si può utilizzare per cercare di bloccare le metastasi celebrali.

Barbara

Gentile Barbara...

non ci sono terapie aggiuntive rispetto alla radioterapia già eseguita, se non terapie mediche.
In linea teorica si può valutare l’opportunità di iniziare una immunoterapia, anche se PD-L1 è negativo, o anche vedere la possibilità di includere il paziente in programmi sperimentali.

In diversi centri italiani nei prossimi mesi saranno attivate delle sperimentazioni con farmaci specifici per la mutazione KRAS G12C.

oncologia polmonareCordialmente

Federico Cappuzzo MD
Direttore UOC Oncologia Medica 2
Istituto Nazionale Tumori “Regina Elena” , Roma

Leave a Reply

Your email address will not be published.

A Novembre, mese di sensibilizzazione del cancro al polmone,
le città italiane aderiscono alla campagna Illumina Novembre 

e si illuminano di bianco.
Perché?

 


Per informare sulla patologia e soprattutto sui nuovi strumenti terapeutici e diagnostici, ed in particolare sui test molecolari.