L'angolo della posta

Home / L'angolo della posta

L’ANGOLO DELLA POSTA è una pagina a disposizione di tutti, pazienti , famigliari e non malati, non per fare domande sulle varie terapie o sui farmaci, né per raccontare la tua reazione alla diagnosi di cancro al polmone (che per tutti è un momento terribile, perché raggela l’anima, fa sentire impotente, annulla i pensieri ed il futuro). Per esprimere i propri sentimenti, le proprie emozioni, le paure, le angosce c’è una pagina dedicata: DILLO AD ALCASE.

Questa è una pagina in cui si può far giungere un ringraziamento a chi è stato d’aiuto nel momento del bisogno oppure per dire qualcosa d’importante o di speciale da condividere con gli altri o ancora per ricordare persone care o più semplicemente per dare consigli su come superare i momenti di difficoltà, gli alti e bassi  che in un percorso terapeutico di neoplasia polmonare ci sono sempre.

Chi vuol scrivere, però, scriva col cuore perché c’è una grande fame di amore tra i malati, un immenso bisogno di essere capiti, supportati o semplicemente ascoltati.

angolo posta

Chi desidera scrivere all’angolo della posta, utilizzi il modulo di contatto

presente a fondo pagina.

Mai rinunciare alla oncologia ufficiale

Mai rinunciare alla oncologia ufficiale

La cosiddetta medicina alternativa fa riferimento a un variopinto e disomogeneo sistema di pratiche che promettono la guarigione senza chemio e terapie convenzionali da ogni forma di cancro, ma che non sono valicate con metodi scientifici e che purtroppo risultano inefficaci, pericolose e spesso letali.

Marco Garavello

Marco Garavello

Riceviamo da Mauro Ferrari, amico di Marco Garavello, che se n’è andato pochi giorni fa a 39 anni, la lettera...



    L'angolo della posta

    Controllate l'esattezza dell'indirizzo email prima di inviare

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Il tuo messaggio

    A Novembre, mese di sensibilizzazione del cancro al polmone,
    le città italiane aderiscono alla campagna Illumina Novembre 

    e si illuminano di bianco.
    Perché?

     


    Per informare sulla patologia e soprattutto sui nuovi strumenti terapeutici e diagnostici, ed in particolare sui test molecolari.