Quale terapia per le reazioni avverse da immunoterapia?

Quale terapia per le reazioni avverse da immunoterapia?

CONTESTO

Informazioni sull’immunoterapia e i sui effetti collaterali

(Fonte Cancer.net)

L’immunoterapia è un tipo di trattamento del cancro che aumenta le difese naturali del corpo per combattere il cancro. Utilizza sostanze prodotte dall’organismo o in laboratorio per migliorare, mirare o ripristinare la funzione del sistema immunitario.
Il medico può raccomandare l’immunoterapia come unico trattamento. Oppure può essere somministrata dopo o contemporaneamente a un altro trattamento, come la chemioterapia, la radioterapia o la chirurgia.
Alcuni tipi di immunoterapia attaccano il cancro o ne rallentano la diffusione ad altre parti del corpo. Altri rendono più facile per il sistema immunitario distruggere le cellule tumorali.
L’immunoterapia a volte porta il sistema immunitario ad attaccare le cellule sane, il che può causare effetti collaterali.
Molti effetti collaterali dipendono dal farmaco prescelto, dal tipo e dalla posizione del cancro e dalla salute generale di una persona.
Gli effetti collaterali dell’immunoterapia possono essere lievi, moderati o addirittura pericolosi.

A seconda della gravità degli effetti collaterali, il medico può sospendere il trattamento o prescrivere un tipo di farmaco corticosteroide. Se gli effetti collaterali peggiorano o non migliorano, il medico può interrompere l’immunoterapia.

Gli effetti collaterali più comuni dell’immunoterapia includono: reazioni cutanee, sintomi influenzali, dolori muscolari, mancanza di respiro (difficoltà a respirare), gonfiore delle gambe (edema), congestione sinusale, mal di testa, aumento di peso grazie alla ritenzione di liquidi, diarrea, cambiamenti ormonali, compreso l’ipotiroidismo, tosse.

Linee guida di pratica clinica dell’American Society of Clinical Oncology

(fonte PubMed)

Vengono presentate, ora, le raccomandazioni per la diagnosi e la gestione della tossicità basata su sistemi e organi specifici. terapia tossicità immunoterapiaSebbene la gestione vari a seconda del sistema d’organo interessato, in generale, la terapia con inibitori del checkpoint immunitario (ICPi) deve essere continuata con un attento monitoraggio per le tossicità di grado 1, ad eccezione di alcune tossicità neurologiche, ematologiche e cardiache.
La terapia con ICPi può essere sospesa per la maggior parte delle tossicità di grado 2, considerando la possibilità di riprendere quando i sintomi tornano al grado 1 o inferiore. Possono essere somministrati corticosteroidi.
Le tossicità di grado 3 generalmente giustificano la sospensione dell’ICPis e l’inizio di corticosteroidi ad alte dosi (prednisone 1-2 mg / kg / die metilprednisolone 1-2 mg / kg / die). I corticosteroidi devono essere ridotti gradualmente nel corso di almeno 4-6 settimane. Alcuni casi refrattari possono richiedere infliximab o altre terapie immunosoppressive.
In generale, si raccomanda l’interruzione permanente dell’ICPis con tossicità di grado 4, ad eccezione delle endocrinopatie che sono state controllate dalla sostituzione ormonale.


Buongiorno Dottore.
Come vengono gestiti gli effetti collaterali dell’immunoterapia, tipo dolore articolare e occasionale dissenteria, visto che il cortisone è sconsigliato?
Grazie
Stefania

Stim. Stefania...

il farmaco di riferimento per controllare gli eventi avversi da immunoterapia è proprio il cortisone, che va assolutamente usato nel sospetto di tossicità da immunoterapia.
Tale approccio è indicato in tutte le linee guida internazionali

oncologia polmonare

Cordialmente

Federico Cappuzzo MD
Director Oncology and Hematology Department

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Sei un malato di cancro al polmone?  

 

NON FERMARTI QUI.  VISITA LA NOSTRA HOME.

Solo da lì è possibile accedere a tutti i servizi che ALCASE Italia mette a disposizione per te!

    Per altre pagine clicca ovunque, fuori dal riquadro