Notizie Flash

dalla Ricerca Mondiale

Home / Education / Notizie Flash

E’ nata sabato 22 agosto 2020 una nuova rubrica, “NOTIZIE FLASH“, ultima fra i blog di ALCASE… anche se il termine “blog” non è del tutto corretto perché, ovviamente, non si tratta del diario di una singola persona, come etimologicamente sarebbe: “web-log”, abbreviato “blog”.

Come lo è per l’analoga rubrica “PILLOLE DALLA RICERCA“, il senso di questa nuova rubrica si riassume nel fatto che, non potendo tradurre in italiano e discutere in dettaglio tutto ciò che viene pubblicato nel mondo sul cancro del polmone, possiamo darvene però un rapido cenno.

Pertanto, tutti i giorni (o quasi)  verranno aggiunte qui le news specifiche, che circolano sul web in quel dato giorno, commentandole brevemente e dandovene il link di riferimento.   Ovviamente, nei limiti delle nostre capacità di copertura dell’argomento e di quello che immaginiamo sia di vostro interesse.

Questo il nostro modo di procedere: nella medesima giornata, le stesse notizie flash vengono prima pubblicate nella pagina FaceBook di ALCASE Italia – per la Lotta contro il Tumore del Polmone (oltre 22.000 follower) e poi sugli altri social media di ALCASE: Instagram, TwitterLinkedin, oltre che qui, appunto, nel nostro sito web…

Sempre nella speranza di raggiungere più persone possibili ed essere, in tal modo, sempre più utili!!

TEPOTINIB: il primo farmaco approvato per la mutazione MET negli USA, e ora anche in UK…  L’Europa sta valutando…
Tepotinib mira a fornire ai pazienti un accesso più rapido a trattamenti antitumorali innovativi con potenziali benefici rispetto alle terapie esistenti in tutto il mondo.  < Hospital Healthcare Europe> – pubblicato il 15/10/2021

Trattamento combinato di immunoterapia + chemioterapia
Anche i risultati a distanza (minimo follow-up 2 anni) confermano il beneficio di sopravvivenza della combinazione immunoterapico (Nivolumab + Ipilimumab) e chemioterapia. <PubMed> – pubblicato il 14/10/2021

Nuovi trattamenti per mutazioni HER2
Aumenta il numero di mutazioni genomiche contro cui si stanno sviluppando nuove cure. < Healthdesk> – pubblicato il 09/10/2021

Quale immunoterapia?
Purtroppo non è uno studio randomizzato, ma un confronto retrospettivo di risultati ottenuti da studi precedenti. Ma ci domandiamo perché non esiste (e neanche si avvia) alcun serio studio randomizzato che confronti fra loro i diversi immunoterapici disponibili? Ce ne saranno ben uno o due superiori agli altri! Perché la scelta dell’immunoterapico deve essere sempre fatta a… “simpatia”. <PubMed> – pubblicato il 07/2021

Cemiplimab + chemio migliora la sopravvivenza globale in prima linea
Per il cancro del polmone non a piccole cellule inoperabile, si aggiunge (alla già ampia possibilità di scelta) una nuova chemio-immunoterapia, che utilizza il CEMIPLIMAB al posto di altri inibitori del check-point immunitario… Anche questo farmaco è estremamente più efficace della sola chemioterapia. < Pharmastar> – pubblicato il 04/10/2021

Risposte clinicamente significative con una durata media di circa 18 mesi di Mobocertinib per EGFR esone 20
MOBOCERTINIB (un farmaco attivo nelle mutazione EGFR dell’esone 20) è appena stato approvato per l’uso terapeutico negli USA col nome commerciale di Exkivity. Auspicabilmente dovrebbe lo sarà presto in Europa ed in Italia. < Reuters> – pubblicato il 03/10/2021

Studio di fase 2 ha mostrato una riduzione mediana del tumore del 35% in pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule con mutazione dell’esone 20 non precedentemente trattato
Per la mutazione EGFR dell’esone 20 compare anche il POZIOTINIB che ha dimostrato una buona efficacia terapeutica con dose giornaliera a 16 mg. <Cancer Network> – pubblicato il 29/09/2021

La combinazione di trattamento di prima linea con CEMIPLIMAB + chemioterapia sembra migliorare significativamente la sopravvivenza
Più volte abbiamo presentato dati sul CEMIPLIMAB, un nuovo promettente immunoterapico. Qui i risultati di uno studio di fase III, appena presentati al congresso ESMO. < Regeneron> – pubblicato il 28/09/2021

L’approvazione di entrectinib promuove l’evoluzione a un modello in cui le terapie vengono sviluppate in base all’alterazione genetica “driver” che guida la crescita del tumore, indipendentemente dalla sua localizzazione anatomica e dal sottotipo istologico
L’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) ha approvato l’immissione al commercio e rimborsabilità di entrectinib di Roche per il trattamento di pazienti adulti con carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) in stadio avanzato ROS1-positivo non precedentemente trattati con inibitori di ROS1 < Quotidiano Sanità> – pubblicato il 23/09/2021

Negli USA meno della metà degli oncologi della comunità utilizza i test dei biomarcatori per guidare la cura del cancro ai polmoni 
Non in Italia e neanche nelle sue regioni più svantaggiate che meno della metà degli oncologi usano i marcatori genetici per impostare la loro terapia… Pare che questi medici pensino che i pazienti raramente capiscono cosa comporta il test e cosa significa per le loro opzioni di trattamento ! Non commentiamo! < News Medical> – pubblicato il 21/09/2021

L’immunoterapia ha un beneficio maggiore nei pazienti con NSCLC con una storia di fumo rispetto a quelli che non hanno mai fumato
Noi di ALCASE raccomandiamo continuamente a tutti di non fare la solita domanda “ma tu fumavi?” alle persone che hanno appena ricevuto una diagnosi di cancro del polmone… e questo per non alimentare lo stigma sul fumo. Ma i medici devono chiederlo, per sapere – secondo questa metanalisi -se il loro paziente risponderà di più (fumatore) o di meno (non fumatore) all’immunoterapia. < PubMed> – pubblicato il 20/09/2021

Aperta la nuova frontiera dei farmaci «agnostici», in grado di trattare le neoplasie indipendentemente dall’organo che è stato colpito
Approvato dal SSN il farmaco LAROTRECTINIB per il trattamento “agnostico” di tutti i tumori con mutazione NTRK, inclusi quelli del polmone. <Il Mattino> – pubblicato il 19/09/2021

Lo stato della ricerca globale sul cancro del polmone
Bravissimi i medici e ricercatori italiani! La ricerca italiana sul cancro del polmone rimane ai massimi livelli, nonostante il recente sorpasso, a “razzo”, di Cina e Sud Corea. < Lung Cancer Coalition> – pubblicato il 17/10/2021

Da approfondire la superiorità di efficacia di brigatinib vs crizotinib
I risultati finali dello studio ALTA-1L , qui riportati, confermano la superiorità del Brigatinib al vecchio Crizotinib. <PubMed> – pubblicato il 08/10/2021

Selpercatinib per fusione RET
LIBRETTO-001 è uno studio internazionale in corso, di fase I/II sul SELPERCATINIB in pazienti con tumori solidi avanzati o metastatici. In questo report vengono riportati i molto favorevoli effetti positivi del farmaco sulla qualità di vita dei pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) positivo alla fusione RET. <PubMed> – pubblicato il 08/10/2021

POZIOTINIB per EGFR esone 20
Recentemente il POZIOTINIB è stato approvato dall’FDA per l’uso comune nei tumori EGFR mutati a livello dell’esone 20. Anche in base ai risultati positivi di questo studio clinico di fase II. <PubMed> – pubblicato il 07/2021

Atezolizumab dopo chemioterapia adiuvante offre un’opzione di trattamento promettente per i pazienti con NSCLC dopo resezione
Un grosso studio internazionale, l’IMpower010, dimostra uno statisticamente significativo e clinicamente rilevante beneficio di sopravvivenza dell’immunoterapia (ATEZOLIZUMAB) in aggiunta alla chemio, dopo intervento chirurgico (terapia adiuvante). < The Lancet> – pubblicato il 06/10/2021

Aumentano le mutazioni del genoma tumorale e i farmaci target a quelle mirate
Qui i risultati dello studio DESTINY che dimostrano un promettente attività antitumorale del complesso TRANSTUZUMAB-DERUXTECAN nel cancro del polmone HER-mutato. < The New England Journal of Medicine> – pubblicato il 03/10/2021

Radioterapia ablativa stereotassica ~ chirurgia per stadio I
Uno studio non randomizzato dell’MD Anderson Hospital suggerisce che la radioterapia stereotassica potrebbe essere efficace come l’asportazione chirurgica nel trattamento definitivo del cancro del polmone in stadio I. <The Lancet> – pubblicato il 02/10/2021

Dati dello studio TRUST di fase 2
TELETRECTINIB: si affaccia all’uso terapeutico un nuovo antiROS1 e antiNTRK che sembra essere molto promettente. < Cancer Network> – pubblicato il 01/10/2021

Prima terapia orale progettata specificamente per i pazienti con EGFR esone 20
Approvato dalla FDA americana il primo farmaco per il trattamento della mutazione EGFR, esone 20. Si tratta del MOBOCERTINIB, che speriamo di veder presto anche in Italia. < Takeda> – pubblicato il 28/09/2021

Trattamento dell’inibitore del recettore della tirosin-chinasi del fattore di crescita epidermico (EGFR-TKI) che, combinato con anlotinib, pare dimostrare una potente attività antitumorale
Un nuovo farmaco cinese, un inibitore della tirosinchinasi, l’ANLOTINIB, potrebbe rimuovere la resistenza agli inibitori EGFR nel cancro polmonare mutato non a piccole cellule. < PubMed> – pubblicato il 23/09/2021

La recente meta-analisi fornisce l’impulso per mettere in atto programmi di screening del cancro del polmone a lungo termine a livello internazionale
Un nuovo studio (inglese, questa volta) conferma i risultati del NLST e del Nelson trial: lo screening mediante TAC spirale a basso dosaggio riduce le morti per cancro del polmone. < News Medical> – pubblicato il 21/09/2021

Risultati dello studio randomizzato UKLS e meta-analisi internazionale indicano riduzione della mortalità per cancro del polmone mediante screening con LDCT
Pensavamo che gli inglesi fossero ormai “fuori tempo massimo” per dire la loro sullo screening del cancro al polmone e che, quando avessero pubblicato i loro risultati, ormai lo screening -da noi- sarebbe stato una realtà… INVECE, grazie alla sordità dei nostri politici, sono arrivati in tempo, mentre in Italia si piange e si soffre. < The Lancet> – pubblicato il 20/09/2021

Efficacia e sicurezza della terapia mirata neoadiuvante rispetto alla chemioterapia neoadiuvante per il carcinoma polmonare non a piccole cellule EGFR-mutante in stadio IIIA
Una meta-analisi dei dati disponibili conferma la superiorità della terapia target (anti-EGFR) rispetto alla chemioterapia ANCHE nell’ambito del trattamento cosiddetto “neoadiuvante” (pre-chirurgico). . <Frontiers in chirurgia toracica>- pubblicato il 18/09/2021

Sei un malato di cancro al polmone?  

 

NON FERMARTI QUI.  VISITA LA NOSTRA HOME.

Solo da lì è possibile accedere a tutti i servizi che ALCASE Italia mette a disposizione per te!

    Per altre pagine clicca ovunque, fuori dal riquadro