Notizie Flash

dalla Ricerca Mondiale

Home / Education / Notizie Flash

E’ nata sabato 22 agosto 2020 una nuova rubrica, “NOTIZIE FLASH“, ultima fra i blog di ALCASE… anche se il termine “blog” non è del tutto corretto perché, ovviamente, non si tratta del diario di una singola persona, come etimologicamente sarebbe: “web-log”, abbreviato “blog”.

Come lo è per l’analoga rubrica “PILLOLE DALLA RICERCA“, il senso di questa nuova rubrica si riassume nel fatto che, non potendo tradurre in italiano e discutere in dettaglio tutto ciò che viene pubblicato nel mondo sul cancro del polmone, possiamo darvene però un rapido cenno.

Pertanto, tutti i giorni (o quasi)  verranno aggiunte qui le news specifiche, che circolano sul web in quel dato giorno, commentandole brevemente e dandovene il link di riferimento.   Ovviamente, nei limiti delle nostre capacità di copertura dell’argomento e di quello che immaginiamo sia di vostro interesse.

Questo il nostro modo di procedere: nella medesima giornata, le stesse notizie flash vengono prima pubblicate nella pagina FaceBook di ALCASE Italia – per la Lotta contro il Tumore del Polmone (oltre 22.000 follower) e poi sugli altri social media di ALCASE: Instagram, TwitterLinkedin, oltre che qui, appunto, nel nostro sito web…

Sempre nella speranza di raggiungere più persone possibili ed essere, in tal modo, sempre più utili!!

Corsi di formazione per Empathic Communication Skills (ECS, Capacità di comunicazione empatica) per superare lo stigma
Ora anche un autorevole giornale di medicina respiratoria (CHEST) si occupa espressamente del problema dello stigma e sullo studio che tra i primi ha cercato di sviluppare e testare un intervento di questo tipo per i professionisti dell’assistenza oncologica . <Chest Journal> – pubblicato il 15/05/2021

Valore clinico di test di biomarcatori multipli
Spiace constatare che lo studio pubblicato nel 2021 riporta gli stessi risultati ottenuti dal medici di ALCASE nel lontano 1986. Sarebbe stata auspicabile almeno una citazione della fonte dello studio già eseguito presso l’Ospedale delle malattie toraciche di Cuneo. <PubMed> – pubblicato il 14/05/2021

Il tumore del polmone colpisce anche chi non fuma. I pazienti inglesi lo ricordano ai medici
Non solo nei paesi più avanzati del nostro è ormai del tutto normale parlare dei TANTI malati di cancro al polmone NON fumatori, ma ora (in quei paesi) si attivano campagne con l’obiettivo di stimolare i medici affinché non trascurino i segnali della malattia nei non fumatori. <Repubblica> – pubblicato il13/05/2021

Nivolumab + chemioterapia neoadiuvante può aumentare risposta nei pazienti candidabili all’intervento chirurgico
Presentati all’ultimo congresso dell’American Association for Cancer Research (AACR) i risultati di studio multicentrico randomizzato CheckMate-816. Fra questi vi è il tasso di risposta completa patologica, aumentato di ben 12 volte, dal 2,2% ottenuto con la sola chemioterapia pre-operatoria al 24,0% del gruppo trattato con la stessa chemio + un inibitore di PD-1. <Pharmastar> – pubblicato il 10/05/2021

Capire il cancro ai polmoni
Un nuovo breve video sul cancro del polmone con intervista alla dott.ssa Karen Swanson della Mayo Clinic. La dott.ssa parla dell’importanza della diagnosi precoce. Viene citata anche la Task Force dei servizi di prevenzione degli Stati Uniti che ha recentemente abbassato le linee guida per lo screening del cancro del polmone all’età di 55 anni. <South Florida Reporter> – pubblicato il 02/05(2021

Chirurgia toracica video-assistita (VATS) ed altre…
Articolo di approfondimento sulla chirurgia toracica video-assistita e sulle altre metodiche chirurgiche di avanguardia per il trattamento del cancro al polmone. <BS News> – pubblicato il 28/04/2021

Raccolta di dati internazionali su larga scala, relativi allo stato di salute dei pazienti o alla erogazione di assistenza
Si sviluppano le banche dati relative ai dati clinici dei malati e la loro collaborazione è in grado di fornire dati certi e molto interessanti. per capire meglio quali sono le esigenze e le differenze di cura dei tumori nei vari centri. E’ da quest’analisi che si deve partire per migliorare quello che non va. <Repubblica> – pubblicato il 26 aprile 2021

Quattro immunoterapici utilizzati in prima linea a confronto per il microcitoma
Una revisione sistematica della letteratura e meta-analisi dei dati, di autori cinesi, dimostra che non ci sono importanti differenze di efficacia fra i più comuni immunoterapici usati nella prima linea di trattamento del microcitoma (SCLC) esteso. <PubMed> – pubblicato il 25/04/2021

Indicazioni per la vaccinazione Covid-19 per I pazienti oncologici
Ecco le autorevoli linee guida sulla vaccinazione anti-covid per i pazienti oncologici. <European Cancer Patient Coalition> – pubblicato il 21/04/2021

Velocizzare i tempi di diagnosi e stadiazione per evitare progressione di malattia
Tutti sono in grado di comprendere che, quando i tempi per diagnosi e staging si allungano e si arriva tardi alla terapia, c’è il rischio che al momento di cominciarla il tumore si sia ulteriormente ingrandito. Quando ciò si verifica si parla di “stage migration”. Questo studio ne quantifica l’incidenza: il 32% dei pazienti è a rischio di averla! <PubMed> – pubblicato il 20/04/2021

Nuova chirurgia toracica all’ospedale di Mantova
Le tecniche più avanzate di mini-invasività permettono l’eradicazione di tumori toraco-polmonari attraverso piccole incisioni è permessa grazie all’utilizzo di telecamere e strumenti di dimensioni millimetriche. <Gazzetta di Mantova> – pubblicato il 18/04/2021

Esercizio fisico evidenzia effetti moderati sulla stanchezza, ma attenua l’ansia e migliora la qualità della vita
Può un programma regolare di esercizio fisico diminuire l’astenia (stanchezza) dei pazienti che la provano? Forse. Non è ancora ben chiaro risponde questa metanalisi, che tuttavia dimostra grandi benefici dell’esercizio in tanti altri ambiti, a cominciare dall’ansia e dalla depressione. <PubMed> – pubblicato il 15/04/2021

Chemioterapia aggiunta ad osimertinib (per mutazione EGFR) non per seconda linea di trattamento
Questo piccolo studio clinico randomizzato di autori giapponesi, tenta di rispondere a una questione importante: può la chemioterapia potenziare l’effetto terapeutico dell’inibitore EGFR? Per il momento la risposta è no, almeno in seconda linea di trattamento. <PubMed> – pubblicato il 10/04/2021

A causa del Covid 19 saltano 7 visite su 10 e due milioni di esami
Grido d’allarme sugli ulteriori rischi della pandemia che ha mandato in tilt il sistema sanitario e ha oscurato patologie che purtroppo provocano un numero di morti ben più alto rispetto a quelli del virus. <Il Giornale> – pubblicato il 06/04/2021

Una nuova ricerca condotta dal Baylor College of Medicine indaga su come le varianti genetiche contribuiscano ad aumentare il rischio di cancro ai polmoni
Forse, si avvicina il momento in cui, sulla base della conoscenza di alcune varianti genetiche, si potrà predire -per ciascuna persona interessata- il rischio specifico di ammalarsi di cancro al polmone. <News Medical Life Sciences> – pubblicato il 05/04/2021

Miglioramento della sopravvivenza libera da malattia (DFS) con Osimertinib
Un interessante articolo di fonte più che autorevole (la Società Americana di Oncologia Clinica), sulla terapia adiuvante post-chirurgica con farmaci anti-EGFR (per i pazienti con tumore mutato), fra cui in particolare l’Osimertinib. <Daily News> – pubblicato il 03/04/2021

Possibile futuro utilizzo di Furmonertinib per pazienti con mutazione EGFR T790M
Dalla qualità dello studio cinese di fase 2b condotto in 46 ospedali sembrerebbe esserci un nuovo EGFR-inibitore che funziona contro la mutazione di resistenza T790M. Il farmaco si chiama FURMONERTINIB. <PubMed> – pubblicato il 02-04-2021

Efficacia complessiva di Entrectinib per ROS 1
Un’analisi appena pubblicata nel Journal of Clinical Oncology ha confermato l’efficacia e la tollerabilità del Rozlytrek (ENTRECTINIB) nel carcinoma polmonare non a piccole cellule, localmente avanzato o metastatico, positivo alla fusione del proto-oncogene ROS (ROS1). <Cure> – pubblicato il 01/04/2021

Una campagna per incoraggiare i medici di famiglia a non trascurare il cancro del polmone nei non fumatori
Campagna lanciata da associazioni no profit mirata a invitare i medici di famiglia a considerare il cancro ai polmoni come una diagnosi probabile anche nelle persone che non hanno mai fumato e a non sottovalutare i sintomi, facendo perdere spesso del tempo prezioso. <The Guardian> – pubblicato il 15/05/2021

Capmatinib (Tabrecta) approvato per i pazienti con mutazione MET
Un’ampia overview sul CAPMATINIB e il suo bersaglio molecolare: la mutazione MET dell’esone 14, che interessa dal 3% al 4% della popolazione di pazienti con NSCLC. <Targetedonc> – pubblicato il 14/05/2021

Il cancro ai polmoni nei non fumatori
Il cancro ai polmoni può colpire coloro che non hanno mai fumato, anche se in modo diverso da coloro che hanno fumato in precedenza. Uno studio del 2020 ha evidenziato infatti che le cellule di cancro del polmone in coloro che non hanno mai fumato o in coloro che non hanno fumato pesantemente possono avere particolari cambiamenti genetici. < Medical News Today> pubblicato il13/05/2021

La sopravvivenza globale al 31,9% con pembrolizumab contro il 16,3% con chemioterapia
Raddoppiata la sopravvivenza a 5 anni con l’immunoterapia nei pazienti con cancro del polmone avanzato, con un’elevata espressione di PD-L1. <Med Paged Today> – pubblicato il 04/05/2021

Linee guida aggiornate su diagnosi, trattamento e follow-up del carcinoma polmonare a piccole cellule (SCLC) dalla Società europea di oncologia medica
Aggiornate le linee guida ESMO al trattamento del microcitoma (SCLC). <Medscape> – pubblicato il 04/05/2021

La ricerca dei test molecolari indispensabile nel carcinoma polmonare non a piccole cellule
Una messa a punto ampia, approfondita, autorevole ed estremamente aggiornata sull’uso dei test genomici per la ricerca di mutazioni trattabili. La pratica clinica raccomanda che i pazienti siano testati per mutazioni geniche in EGFR, ALK e ROS1, nonché per l’espressione di PD-L1, mentre la letteratura caldeggia anche la ricerca delle alterazioni di BRAF, MET, RET, HER2 e KRAS. < Cancer Network> – pubblicato il 01/05/2021

Un farmaco usato per trattare la leucemia potrebbe aumentare l’efficacia dell’immunoterapia per il cancro ai polmoni
Si è ancora molto lontani dalla pratica clinica. Ma questi ricercatori di Taiwan sembrano aver trovato un nuovo modo di stimolare il sistema immunitario nel difendersi contro il cancro del polmone. <Focus Taiwan> – pubblicato il 28/04/2021

Previsione del rischio per malattie cardiache dallo screening del cancro ai polmoni
Un nuovo modo di analizzare le TC fatte per lo screening del cancro del polmone potrebbe dare informazioni preziose su una eventuale malattia coronarica clinicamente silente. <Medical News Today> – pubblicato il 27/04/2021

Alcune delle più promettenti nuove molecole immunoterapiche per i tumori del polmone arrivano dalla Cina
L’ industria farmaceutica cinese entra a pieno titolo nella biotecnologia della immunoterapia, destinata a giocare un ruolo fondamentale anche nelle altre fasi della malattia. <Repubblica> – pubblicato il 27/04/2021

Antibiotici, corticosteroidi e…  interferiscono con l’assunzione di Keytruda
Corticosteroidi che riducono l’infiammazione, inibitori della pompa protonica che servono a prevenire e trattare le ulcere e gli antibiotici erano associati a una ridotta risposta a radiologia sembrano dare, sulla cura con Pembrolizumab, un rischio più elevato di progressione della malattia. <Cure Today> – pubblicato il 22/04/2021

L’Università di Genova e L.N. Gumilyov Eurasian National University alla ricerca di marcatori specifici per l’esposizione umana al Radon
Ricercatori Genovesi e colleghi del Kazakistan cercano di sviluppare dei test specifici per la diagnosi precoce del cancro al polmone Radon-indotto, che possano servire anche come mezzo di screening per la sottopopolazione di persone. <Telenord> – pubblicato il 21/04/2021

Le possibilità di utilizzo dell’Intelligenza Artificiale in campo diagnostico
Un articolo di approfondimento sull’uso dell’Intelligenza Artificiale in radiodiagnostica. <Pharmastar> – pubblicato il 19/04/2021

Immunoterapia + chemioterapia neoadiuvanti
Prima prova della utilità dell’immunoterapia associata alla chemioterapia, in ambito neoadiuvante (prima dell’intervento chirurgico di asportazione dl tumore al polmone). Nello studio qui discusso, il farmaco utilizzato è il Nivolumab. <Seekingalpha> – pubblicato il 17/04/2021

PD-L1, test diagnostico definitivo per guidare il trattamento tra lesioni primarie e metastatiche
Pensate che l’espressione del PD-L1 sia omogenea in tutto il tumore? NO! Questo studio dimostra che non è così e che essa è in generale maggiore nelle metastasi. <PubMed> – pubblicato il 14/04/2021

Ricercatori canadesi che sviluppano analisi del sangue per rilevare precocemente il cancro ai polmoni
Sarebbe bello poter fare uno screening del cancro al polmone con un semplice esame del sangue, individuando le prime fasi del cancro ai polmoni. <Campbell River Mirror> – pubblicato il 06/04/2021

L’efficacia predittiva del carico di mutazione tumorale (TMB) sul cancro del polmone non a piccole cellule trattato con inibitori del checkpoint immunitario
Non si sente più tanto parlare del “tumor mutation burden” (TMB), ovvero della quantità di alterazioni genetiche tumorali come indice predittivo della risposta agli immunoterapici. Questa metanalisi richiama l’attenzione su di esso, confermandone l’efficacia predittiva. <PubMed> – pubblicato il 05/04/2021

Atezolizumab in prima linea con alta espressione di PD-L1 e senza presenza di mutaizoni
Approvato l’ATEZOLIZUMAB (Tecentriq) come trattamento di prima linea in pazienti adulti con carcinoma polmonare metastatico non a piccole cellule, i cui tumori abbiano un’elevata espressione di PD-L1 e nessuna aberrazione EGFR o ALK. <Pharmastar> – pubblicato il 02-04-2021

Parere positivo per Tecentriq in monoterapia di prima linea con un’elevata espressione di PD-L1
Il comitato per i medicinali per uso umano dell’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) ha raccomandato l’approvazione di Tecentriq come prima linea trattamento per pazienti adulti con carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico, il cui tumore ha un’elevata espressione di PD-L1, ma non aberrazioni genomiche tumorali, tipo EGFR o ALK. <Tecno Medicina> – pubblicato il 01/04/2021

Sei un malato di cancro al polmone?  

 

NON FERMARTI QUI.  VISITA LA NOSTRA HOME.

Solo da lì è possibile accedere a tutti i servizi che ALCASE Italia mette a disposizione per te!

    Per altre pagine clicca ovunque, fuori dal riquadro