Lo pneumologo risponde

a cura del dott. Gianfranco Buccheri

Home / Lo pneumologo risponde
esperto pneumologo

dott. Gianfranco Buccheri

LO PNEUMOLOGO RISPONDE
è una rubrica di supporto di ALCASE Italia,

a cura del dott. Gianfranco Buccheri, Direttore Medico di ALCASE Italia.

Oltre che in Oncologia Medica, il Dr. Buccheri è specialista in Tisiologia e Malattie dell’Apparato Respiratorio (Pneumologia) ed in Fisiopatologia e Fisiochinesiterapia Respiratoria.  Due specialità di pneumologia, con cui ha esordito agli inizi della sua carriera ospedaliera.

Per molti anni, il Dr. Buccheri è stato affiliato a diverse società medico-scientifiche, fra cui sono numerose anche quelle prettamente pneumologiche: la Società Italiana Pneumologi Ospedalieri (AIPO), l’ European Respiratory Society (ERS), l’American College of Chest Physician e l’American Thoracic Society (ATS).

A partire dal 1984, ha pubblicato oltre 300 fra studi originali, articoli di revisione della letteratura, capitoli di monografie, e abstract di comunicazioni in meeting internazionali. Tale produzione scientifica riguarda soprattutto la diagnosi, la stadiazione e la terapia del cancro del polmone ed è regolarmente censita su PubMed.

Solo per quanto attiene la pneumologia, il Dr. Buccheri é stato referee (consulente esterno) per le seguenti riviste medico-scientifiche: Monaldi Archives of Chest Diseases, Thorax, European Respiratory Journal, European Respiratory Review.

Quella attuale è la diretta continuazione dell’unica rubrica di risposte ai pazienti esistente fino a pochi anni fa nel sito di ALCASE.  Denominata INTERROGARE L’ESPERTO, fu portata avanti per quasi 10 anni, essendo stata avviata nel sito “storico” della organizzazione di volontariato nel 2011 e chiusa nel 2020.

In questa sezione di Pneumologia, il Dr. Buccheri, come tutti gli altri specialisti del gruppo “GLI ESPERTI RISPONDONO“, risponde solo a quesiti generali  che il cancro del polmone pone allo pneumologo e, dunque, diagnosi (anche precoce), stadiazione e rivalutazione post-trattamento del cancro al polmone.  A ciò si aggiungeranno tutti i temi inerenti la prevenzione primaria e la prevenzione secondaria (SCREENING!).

Come tutte le altre rubriche del gruppo, anche questa è libera: chiunque, anche chi non è socio di ALCASE, può accedervi.  E, come per tutte le altre, una cosa deve essere chiara:  essa non sostituisce il lavoro del proprio medico, né può farlo.  Può solo essere d’aiuto ad ottenere tutta l’informazione cui si ha diritto e che, non sempre, viene data. In qualche caso può fornire elementi aggiuntivi per meglio comprendere le proprie opzioni diagnostiche e fare, insieme col proprio curante, scelte consapevoli.

Catarro striato di sangue: è un brutto segno, se va aumentando?

Catarro striato di sangue: è un brutto segno, se va aumentando?

L'aumento della quantità di sangue in un espettorato occasionalmente emoftoico non è di per sé un segno prognostico negativo E' però un segnale di pericolo per il quale è consigliabile rivolgersi ad uno specialista

Linee guida per la diagnosi precoce del cancro al polmone.  Esistono?…

Linee guida per la diagnosi precoce del cancro al polmone. Esistono?…

No. Purtroppo non esistono linee guida diagnostiche, come esistono linee guida per i trattamenti.  E comunque tali linee guida diagnostiche, quando si trovano, sono delle semplici "flow-chart" proposte da singoli studiosi e non universalmente accettate. Forse perché...

Possono le protesi mammarie indurre lo sviluppo di un cancro al polmone?

Possono le protesi mammarie indurre lo sviluppo di un cancro al polmone?

La mia prima risposta al suo primo quesito (le protesi mammarie aumentano il rischio di sviluppare un cancro del polmone?) sarebbe no.  No, non mi è mai capitato, infatti, di leggere report su questo argomento nella letteratura scientifica, che pure consulto quotidianamente...

“Diffusion Weighted Whole Body” RMN

“Diffusion Weighted Whole Body” RMN

La Diffusion Whole-Body è una tecnica innovativa di risonanza magnetica che consente di studiare l’intero corpo senza radiazioni ionizzanti e senza mezzo di contrasto.

Uso della mascherina chirurgica: nessun effetto collaterale o controindicazioni?

Uso della mascherina chirurgica: nessun effetto collaterale o controindicazioni?

E vengo alla sua domanda, che io ho riassunto nell'interrogativo: "è del tutto innocua la mascherina per chi la utilizza?...".
La mia risposta è NO, e pertanto, anche nella mia vita privata, cerco di usarla il meno possibile, e soltanto quando c'è un chiaro obbligo di legge.  Perché?... Perché la mascherina provoca:

Chirurgia radicale del tumore, alla diagnosi o post-chemioterapia cito-riduttiva.  Stessa prognosi?

Chirurgia radicale del tumore, alla diagnosi o post-chemioterapia cito-riduttiva. Stessa prognosi?

Il problema principale però è quello messo in evidenza dal titolo di questo post, il cui senso è “a parità di stadio patologico, l’asportazione radicale di un  tumore parzialmente regredito dopo chemioterapia neo-adiuvante possiede la stessa radicalità chirurgica di quella effettuata subito dopo la diagnosi e la conferma clinica di operabilità?...”.  La risposta è NO.

Dona con carta di credito o tramite Paypal

oppure tramite bonifico su conto corrente bancario
IBAN: IT41H0630510200000100133028

    SCRIVI ALLO PNEUMOLOGO


    Condizioni per accedere al servizio:

    • Essere Supporter di ALCASE e di aver inviato la ricevuta della donazione a segreteria@alcase.it

    • I quesiti devono essere relativi al solo cancro del polmone ed avere un REALE interesse generale

    • Non vengono forniti consulti medici mediante questa rubrica

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto) Controllate l'esattezza dell'indirizzo email prima di inviare il modulo alla segreteria di ALCASE

    Il tuo messaggio:

    5 x 1000

    Il 5 x mille è una risorsa importante per ALCASE, un aiuto per continuare ad essere a fianco dei malati di cancro al polmone.

    96037610043