Screening salvavita – La storia di Dusty Donaldson

Screening salvavita – La storia di Dusty Donaldson

Un bel martedì mattina di settembre, il dottore disse: “Sono molto dispiaciuto di dirtelo, ma tu hai un cancro ai polmoni”.

Siamo rimasti scioccati. Anche il dottore era scioccato.

Era il 2005. Non sapevo come quelle parole avrebbero cambiato la mia vita. In effetti, poco sapevo del cancro del polmone.

Da allora ho imparato tanto. Ora la mia missione è condividere ciò che ho imparato sul cancro ai polmoni.

Io sono una sopravvissuta. Ho battuto le statistiche. Certo, c’è sempre una nuvola di incertezza nella mia testa. Ma fino ad oggi, sono sopravvissuta da quel fatidico martedì di settembre in cui ho ricevuto la diagnosi.
E non solo sto sopravvivendo. Sto prosperando.

So che non è stata la scienza, anche se sono grata per i dottori di talento e per i progressi scientifici. So che non è stata la mia volontà di vivere o il pensiero positivo. Sono viva per la grazia di Dio. E per i suoi scopi rimango qui per ora. E sono arrivata a credere che Lui si preoccupasse profondamente di coloro che soffrono di cancro ai polmoni e anche dei loro cari.

Finché non ho vissuto personalmente questa sofferenza, non ho potuto comprendere l’entità dei bisogni … per la ricerca, la diagnosi precoce, la consapevolezza e la compassione. Adesso lo so.
So che il cancro ai polmoni è il killer numero uno del cancro.

Ho imparato che esso viene di solito diagnosticato quando è in una fase avanzata. Pertanto, la maggior parte delle persone muore entro un anno dalla diagnosi.

E sono stata sorpresa di apprendere che la maggior parte delle nuove diagnosi riguarda persone che hanno smesso di fumare anni prima o che non hanno mai fumato affatto.

Ho appreso che il tasso di sopravvivenza a cinque anni è di circa il 17% e non è aumentato di molto da decenni.

Ho uno scopo ora. È condividere le mie conoscenze ed esperienze con gli altri … per offrire speranza e incoraggiamento a coloro che sono a rischio, sostenere i finanziamenti per la ricerca e mettere in guardia coloro che pensano di essere immuni dal cancro ai polmoni … Dobbiamo fare conoscere a tutti la tanto attesa ricerca che ha portato lo screening del cancro del polmone come salvavita.

E tutti devono sapere che il radon è la causa numero uno del cancro al polmone nei non fumatori. Di fatto, il cancro al polmone indotto dal radon ucciderà più americani quest’anno di AIDS, guida in stato di ebbrezza, incendi domestici o annegamento. Eppure così pochi sanno che testare la loro casa per il radon e ripararlo se c’è un problema è facile ed economico.

Voglio dare un volto al killer numero uno del cancro, voglio che le persone lo conoscano.

Link all’articolo originale