Fare sì che ogni momento conti – La storia di Julie Genovesi

Fare sì che ogni momento conti – La storia di Julie Genovesi

Quando il suo dottore disse a Julie Genovesi che aveva un cancro al polmone, lei litigò con lui e gli disse di ricontrollare le scansioni. Era sicura che avesse confuso i suoi esami con quelli di qualcun altro. Dopotutto, era sana. Aveva solo 51 anni, non fumava, praticava la corsa e lavorava ogni giorno. Non aveva sintomi.

Ma il dottore non aveva confuso le analisi: era un adenocarcinoma non a piccole cellule in stadio IV che si era diffuso all’anca, alla colonna vertebrale e al cervello.

Sono stata sconvolta dalla diagnosi. Era inconcepibile perché ero in salute. Poi mi prese la paura. Sono single e vivo da sola ed ero così spaventata che mi svegliavo nel mezzo della notte terrorizzata.

Ma Julie è anche madre. E il pensiero di suo figlio, 21 anni, la spinse a prendere il controllo delle sue emozioni e del suo trattamento. “Devo fare tutto quello che posso, non importa cosa mi dice il dottore. Non ho davvero scelta. “

Tutto era iniziato con lo scaldabagno. Nel marzo 2016, si era svegliata con la caldaietta di acqua calda che fumava. Aveva chiamato il suo padrone di casa per sistemarla e poi era andata a lavorare. Ma un amico aveva insistito perché Julie andasse al pronto soccorso per essere controllata nel caso fosse stata esposta al monossido di carbonio. Non c’era avvelenamento da monossido, ma gli esami rivelarono il tumore. Una biopsia aveva confermato che era un cancro.

Julie ha tratto beneficio dal farmaco immunoterapico Keytruda (pembrolizumab), quindi è entrata in una sperimentazione clinica e ha iniziato a prendere il farmaco. Dice che l’ha fatta sentire come se avesse l’influenza “elevata alla centesima potenza”. Sfortunatamente, dopo 3 mesi, le scansioni hanno mostrato che il cancro si era diffuso ulteriormente allo sterno e alla ghiandola surrenale.

L’attuale trattamento di Julie include la chemioterapia e le radiazioni sul suo anca e sullo sterno. Dice che la radiazione le causa bruciore di stomaco e dolore.

“Ogni volta che ho un giorno senza dolore, è davvero una bella giornata… Quando stai vivendo un’esperienza simile, devi fare in modo che ogni momento sia importante: è l’unico modo per superarlo, vivendo al meglio giorno per giorno.
Non so quale sia la mia prognosi a questo punto. Nessuno sa davvero niente. Non sanno dove si diffonderà, però  ho imparato un po’ meglio come affrontarlo.”

Il trattamento e gli effetti collaterali hanno portato Julie a disabilità dal lavoro. Passa le sue giornate andando a appuntamenti medici, leggendo, tenendosi in contatto con suo figlio e visitando famiglia e amici. Ha anche tessuto una serie di strategie per far fronte all’incertezza della sua diagnosi e agli effetti collaterali del trattamento.

Si informa attraverso siti Web affidabili sul cancro, pratica terapie alternative, tra cui l’agopuntura, il massaggio, la marijuana medica e la meditazione. Mi aiuta ad addormentarmi. Una volta che ti sdrai di notte, è allora che arrivano tanti pensieri.

 

Link all’articolo originale