Mai pensato di disperarmi – La storia di Conny Eyssen

Mai pensato di disperarmi – La storia di Conny Eyssen

Nel 2012 a Conny Eyssen è stato diagnosticato un cancro ai polmoni. I medici le hanno dato sei mesi di vita. Ma lei sopravvisse alla chirurgia, alla chemio e alle radiazioni. Poi nel 2014 il tumore al cervello. Come riesce sempre a pensare positivamente invece di cadere in un baratro?

Connie racconta:

“Com’è quando vieni a sapere che hai il cancro? Come ti senti? Queste sono le domande che vengono poste più e più volte. E anche: dove prendi tutta la forza, non per disperarti?
Tutti reagiscono in modo diverso quando ricevono la diagnosi di cancro . Molti di loro, mi hanno detto i miei dottori, sono così disperati che non iniziano nemmeno a combattere e cadono in un buco profondo e oscuro. Pensano di non poter battere questa malattia.

Sì, ho anche pianto quando ho saputo di avere un cancro ai polmoni, due grandi tumori, ciascuno delle dimensioni di una testa di bambino e che erano coinvolti anche cinque linfonodi. Ma il secondo giorno mi sono sforzata di pensare in modo positivo: “Conny, puoi farlo. Altri sono sopravvissuti a questa malattia – puoi farlo anche tu. Non piangere, rimettiti in sesto.”

L’ho fatto Sono sopravvissuta a due interventi al polmone seguiti da chemio e radiazioni, poi un intervento chirurgico addominale per sospetto cancro ovarico. Un anno e mezzo dopo fu scoperto un tumore al cervello, grosso come una pallina da golf e di nuovo chirurgia e radiazioni.

Tutto in soli due anni e mezzo. Nessuno che mi incontri lo crederebbe. Perché sembro sana e mi sento così.

Quando il cancro al polmone è stato scoperto nel 2012, i medici mi avevano dato sei mesi. “Al massimo…” Quando il tumore al cervello fu diagnosticato nel gennaio 2014, fu detto che mi restavano due o tre mesi …

Evviva, sono ancora viva!

I miei dottori dicono che sono un miracolo. Non è così che la vedo. Secondo me, l’arte dei miei medici, le possibilità della medicina moderna e le terapie mi hanno salvato la vita. E l’amore e il sostegno costante di mio marito. Mi ha portato ad ogni appuntamento dal dottore, ha posto domande importanti a cui certamente non avrei pensato, si è assicurato che prendessi le mie pillole in tempo e ad esempio avessi sempre la mia borsa di emergenza contenente le pillole per le crisi epilettiche. E che non esagerare con il lavoro … “La lavanda sulla terrazza deve essere versata.” – “Posso farlo anche io. Ora esci per qualche minuto. Stai andando in giro troppo. ” ” No, lo farò. Non è un problema. “Mio marito dice:” Conny deve essere legata, per favore riposa almeno cinque minuti “.
Mi piace lavorare troppo. Anche questa caratteristica, dicono i medici, contribuisce alla cura. Aspettarsi troppo è meglio che non aspettarsi nulla. Ma ammetto che mio marito ha ragione di solito quando pensa che io esageri…
Non mi avvisa più, perché questo porta solo a una forte resistenza. Aspetta solo fino a che non chiedo se camminando chiedo di tornare indietro perchè mi sento un po’debole …

La disperazione per il mio destino non mi è mai passata per la testa. È la mia vita e ce l’ ho tra le mani mentre mi occupo delle cose. Ho un uomo che amo e mi ama. Sono felice. Sono stata licenziata, sono arrabbiata e sto cercando un nuovo lavoro. Non voglio essere disoccupata. Dalla mia rabbia non posso comprare niente da mangiare e da bere. Ho il cancro, sono dannatamente arrabbiata e dopo una notte di bevute decido che non mi ammalerò della malattia. Sono più forte del cancro.
Il mio corpo sembra la cartina stradale di Parigi con tutte le cicatrici, ma sono comunque troppo vecchia per i bikini. Ho solo mezzo polmone e cerco disperatamente l’ aria quando salgo le scale al primo piano, però… non devo andare al secondo o terzo piano. Mi stanco facilmente, in men che non si dica il mio battito accelera a oltre 120, ma non devo più lavorare dieci ore al giorno in una redazione e non posso più camminare su tacchi alti con tacco da undici come in passato… ma ci sono sempre comode scarpe da ginnastica. Quindi: sono felice.

Ma se il destino dovesse incrociare la mia strada, lo prenderò a calci!

PS: Quando gli estranei apprendono che ho il cancro, di solito chiedono: “Cosa? Hai il cancro? “E io rispondo:” Sì. Avevo ordinato gamberi e non il cancro.” Riesco a riderci su…

Link all’articolo originale