Correre attraverso le avversità – La storia di Jane Holmes

Correre attraverso le avversità – La storia di Jane Holmes

Sono Jane Holmes. Mi sono trasferita nelle bellissime colline del Galles nel 2010 insieme a mio marito con tre adorabili cani da salvataggio. Sia io che mio marito siamo appassionati di corsa. Anche se non sono veloce, posso camminare a lungo e sono riuscita a completare sei maratone da quando vivo qui.

Il mio stile di vita negli ultimi vent’anni è stato quello di mangiare sano, fare esercizio fisico, non bere o fumare.

Tuttavia, nel 2014, a 43 anni, ho ricevuto una diagnosi di carcinoma polmonare avanzato. All’epoca correvo regolarmente. Non avevo nessuno dei sintomi riconosciuti di cancro ai polmoni (né tosse,nè sangue, né dispnea, né dolore alla spalla) ed ero andata dal medico per qualcosa non chiara a una radiografia del torace.
Dopo la diagnosi, la mia vita è diventata un vortice di test, biopsie e scansioni. Inizialmente si pensava che il cancro fosse stato diagnosticato precocemente e che avrei potuto sottopormi ad un intervento chirurgico.Tuttavia, sfortunatamente, si è scoperto che si era diffuso ai linfonodi del collo e questo significava che il cancro ai polmoni era avanzato, inoperabile e incurabile. Le statistiche sul cancro del polmone danno esiti spiacevole e quando ho messo in discussione la mia prognosi mi è stato detto che nella mia situazione “una persona su tre sarebbe stata viva ad un anno”. Tuttavia, detto questo, ero più giovane e in forma rispetto al paziente medio, quindi questo mi avrebbe consentito di essere al posto giusto.

Nell’estate del 2014 ho effettuato quattro cicli di chemioterapia, che hanno avuto effetti limitati. Invece di continuare con altri sei cicli, il mio trattamento è stato cambiato in 30 sedute di radioterapia radicale al petto e al collo. Durante questo periodo, ho continuato a cercare di mantenermi il più possibile in forma e continuare con una dieta sana e una buona dose di umorismo.

Quando il trattamento di radioterapia è terminato, ho deciso che volevo fare qualcosa di positivo e quindi mi sono impegnata nell’associazione Roy Cancer Foundation. Sono rimasta scioccata nello scoprire che il cancro al polmone è il più grande killer del cancro nel Regno Unito, che rappresenta quasi un quarto di tutti i decessi per cancro (più della prostata e del cancro al seno messi insieme) e tuttavia sorprende che solo il 7% dei fondi per la ricerca sul cancro del polmone viene investito nel Regno Unito . Una persona su sette non ha mai fumato e sempre più spesso sembra che le donne di mezza età ne siano vittime.

Sfortunatamente sembra esserci ancora uno stigma nei confronti del cancro al polmone mentre rimane il fatto che se si hanno i polmoni, si può contrarre il cancro ai polmoni.

A marzo 2015, le scansioni hanno rivelato che l’unico cancro attivo rimanente era nel tumore principale del polmone destro (avevo affettuosamente chiamato il mio tumore “Bernard”). Con questo risultato, il team clinico è stato felice di rivedere la decisione chirurgica e nel luglio 2015 ho rimosso il lobo superiore destro del mio polmone, insieme a “Bernard” e alcuni dei linfonodi associati.

Quattro mesi dopo l’intervento ho corso con mio marito la Maratona Eryri / Snowdonia di 26.2 miglia.

Dopo l’intervento chirurgico nel 2015, tutte le scansioni sono state pulite. Sarò monitorata da vicino per dieci anni poiché sono consapevole del fatto che il tasso di recidiva per questa particolare malattia è elevato, ma ritengo che mantenendo i miei livelli di fitness alti e mangiando bene, mi darò le migliori possibilità e mi renderò pronta per trattamenti più radicali se la malattia si ripresenta. Continuo a correre. Mi sento molto fortunata ad avere avuto così tanta cura dal Servizio Sanitario Nazionale e ad avere un team clinico lungimirante che fosse pronto a cogliere tutte le possibilità. Senza la loro cura e competenza non vivrei la vita che attualmente sto godendo. Mi sento in forma e mantengo una visione positiva della vita. Mio marito ed io stiamo pianificando una vacanza in Tailandia entro la fine dell’anno e sto programmando un sacco di corse lungo la strada per aiutarmi a mantenermi in forma.

Sembra esserci un sacco di progressi in relazione al cancro del polmone, con l’introduzione di nuovi farmaci e l’immunoterapia. È importante che i pazienti siano in grado di conoscere quali studi clinici possono essere aperti a loro e si spera che con questa via si possa accedere a nuovi farmaci.

I social media e Internet svolgono un ruolo importante nel mantenere le persone aggiornate con i progressi della ricerca. Trovo anche utili i forum sul cancro ai polmoni, condividendo preoccupazioni e informazioni con altri con cancro ai polmoni. Insieme spero che il futuro appaia più luminoso per i malati e farò tutto il possibile per contribuire ad aumentare la consapevolezza per aiutare nella diagnosi precoce di questa malattia.

Link all’articolo originale