E’ importante attaccare il cancro con armi diverse

E’ importante attaccare il cancro con armi diverse

Quando mi è stato diagnosticato un cancro al polmone di stadio 4, il 18 settembre 2001 mi consideravo sana. Ero entrata per un’isterectomia. Hanno fatto una radiografia del torace per l’intervento e sono tornati dicendo che avevo degli infiltrati nel polmone. Mi hanno somministrato alcuni antibiotici per via endovenosa. Quando gli infiltrati non si sono schiariti, hanno proceduto ad una broncoscopia che evidenziò cellule tumorali. Fu uno shock terribile. Nessuno si aspettava un cancro ai polmoni. Non avevo sintomi Non avevo il fiato corto. Non avevo la tosse. Non mi sentivo male. All’inizio mi dissero che avevo un cancro alla colonna cervicale, alle clavicole, ai linfonodi intorno al collo, ai linfonodi intorno all’aorta, alle ghiandole surrenali e al fegato e che c’era davvero molto poco che qualcuno potesse fare. La prognosi è stata dai sei agli otto mesi. Sono entrata in Internet, ho iniziato a cercare sul cancro del polmone e ho inviato email a medici di tutto il paese dicendo “Ho 42 anni. Questo è quello che sta succedendo. Questo è quello che mi è stato detto. Chi mi suggerite di contattare?

Giunsero molte risposte indicando Vanderbilt. Così presi un appuntamento .

Quando sono arrivata, hanno ripetuto tutti gli esami. Non erano sicuri che il cancro fosse così avanzato come mi era stato detto, ma pensavano sempre che fosse allo stadio 4. Ho accettato di fare una toracoscopia. Il tumore era nel polmone destro ed era in stadio 4. Una settimana dopo hanno eseguito la lobectomia di sinistra inferiore. Ho impiegato due mesi e sono guarita dall’intervento. È stato allora che ho incontrato David Carbone. I miei primi due oncologi non erano molto fiduciosi. Entrambi mi avevano detto di fare la chemioterapia, godermi i miei sei mesi e basta. Quando ho incontrato David Carbone, mi ha detto che non c’era una cura per il tipo di cancro che avevo. “Ma cercheremmo di tenerlo lontano dalle metastasi per i prossimi venti anni”. Ho detto, “Posso conviverci.”

Dopo di ciò, ho fatto un anno di chemioterapia con Taxol-Carboplatino. Dopo varie peripezie ho chiamato altri chirurghi in tutto il paese, uno di loro era Valerie Rusch che mi ha chiesto di mandarle i referti e ha detto: “Se il tuo chirurgo lo farà, esegui un altro intervento chirurgico e fallo estrarre“, ed è quello che è stato fatto. Ecco un’altra toracotomia, questa volta sul lato destro, nel dicembre del 2002. Non ebbe evidenza di malattia per sedici mesi fino allo scorso aprile, poi una nuova recidiva. Questa volta era nel lobo superiore sinistro. Non sono riuscita a trovare una sperimentazione clinica che si adattasse davvero al mio tumore, quindi abbiamo fatto un altro intervento chirurgico. Era il quarto intervento chirurgico al polmone.

La cura con gli studi clinici è un po’ meglio di quanto sarebbe se tu vedessi un oncologo generale e ricevessi cure standard. Per me, le sperimentazioni cliniche sono state un’esperienza molto positiva. Tutto è monitorato e tu sei controllata. Hai un infermiere professionista che controlla tutto ed è lì per ogni minima chiamata che fai.
Quando mi hanno fatto la prima diagnosi, sono rimasto molto sorpresa dal numero di medici che mi hanno consigliato di non sottopormi a una sperimentazione clinica. Dicevano: “Faranno di te una cavia” o “Non lasciare che provino a farti questo“. Ma per me, le cure standard non erano molto promettenti. La chemioterapia nel cancro del polmone funziona solo nel 6% della popolazione. Ho pensato che i farmaci che avevo già usato non fossero molto efficaci. Avrei potuto provarne alcuni che non erano ancora stati approvati e ho pensato che i miei risultati sarebbero stati migliori. Ho preso un inibitore dell’epidermal growth factor. Per il cancro ai polmoni, sta funzionando molto bene. La maggior parte degli studi clinici in questo momento utilizzano una qualche forma di un inibitore del fattore di crescita epidermico. L’intervento chirurgico ai miei polmoni ha tolto un bel po ‘di tessuto polmonare. Sul mio polmone sinistro, probabilmente mi rimane il 40%, sul destro rimane forse l’80%. Gli interventi chirurgici di toracotomia sono molto, molto difficili. Sono dolorosi, ma sono anche a breve termine, in termini di trattamento del cancro. Ti riprendi dall’intervento, ti riprendi dal dolore. Non ti riprendi sempre dal cancro. Non mi sento a corto di fiato quando faccio solo cose di routine. Dopo i miei primi due interventi chirurgici, sono andata in Colorado a sciare sulla neve mentre ero in chemio, in parte per dimostrare che potevo ancora farlo. Dopo la mia quarta toracotomia, quando sono uscita dall’ospedale, sono rimasta a casa due settimane. Poi sono tornata in Colorado e sono riuscita a salire a 5000 m. Ero a corto di respiro mentre salivo, ma l’ho fatto. Posso ancora farlo.

Ogni anno a 174.000 persone viene diagnosticato un cancro ai polmoni. Sento che probabilmente hanno gli stessi sentimenti che ho provato all’inizio; che è una situazione senza speranza. Parlare con loro e far loro sapere che non è necessariamente una condanna a morte è molto importante. È un modo per restituire alle persone ciò che io ho avuto. Penso che abbiamo pochissimi difensori del cancro del polmone, in parte perché abbiamo pochissimi sopravvissuti al cancro del polmone. C’è uno stigma negativo associato al cancro del polmone. Ogni volta che dico a qualcuno che ho un cancro ai polmoni, vogliono sapere: “Hai fumato? Hai causato la tua stessa malattia? “

Quello che ho letto sul cancro al polmone è che molti pazienti non cercano nemmeno un trattamento, perché sentono di essere colpevoli.

Quindi non chiedono aiuto o non cercano nemmeno un trattamento. Mi chiedo spesso quando potremo cambiare le nostre statistiche, quando i pazienti cercheranno trattamenti migliori.

Si deve attaccare il cancro con tre armi diverse. Uno di queste è la comunità medica e ciò che la medicina può effettivamente fare per te. I medici, la chirurgia, la chemioterapia, le radiazioni. Qualunque cosa possano usare, bisogna utilizzarla e nella misura più completa. Se ho bisogno di una seconda opinione, se devo andare da qualche altra parte per il trattamento, se ho bisogno di difendere la mia terapia, allora lo farò. Ho intenzione di trarne il massimo vantaggio.

Secondo, non penso che si possa fare affidamento unicamente sui medici. Occorre anche vedere cosa ognuno può fare per se stesso. Ciò include mangiare bene, riposare adeguatamente, fare esercizio fisico e prendersi cura di se stessi. Si devi costruire la propria forza, aumentare le immunità, rendersi più forte, così il corpo possa combattere il cancro.

La terza cosa è la fede in Dio e il potere della preghiera.

Se si attacca il cancro con queste tre armi, allora penso che le possibilità di combatterlo siano molto migliori.

Sono Lori Monroe. Ho 45 anni e sono una sopravvissuta.

Link all’articolo originale