Interazioni con IRESSA…

Interazioni con IRESSA…

IRESSABuongiorno, ho un grosso dubbio e vorrei un vs parere su IRESSA.

Mia sorella ( adenocarcinoma polmonare Iv stadio ) prende da un mese Iressa. Su consiglio di un amico medico di base abbiamo fatto vedere al suo oncologo due integratori naturali in gel Agel ( UMI con alghe marine per sistema immunitario e GSH con antiossidanti e  stimolanti del  glutatione ) e li ha approvati, in quanto non contenenti pompelmo e suoi derivati.
Io ho però letto di possibili interferenze di ossidanti con l’utilizzo di questi farmaci biologici, cosa è meglio fare? Grazie infinite.

Monica

Cara Monica...

Per rispondere direttamente alla tua domanda, direi di no.  Non vi sono interazioni note del Gefitinib (IRESSA ®) con sostanze antiossidanti, anche sulla base delle informazioni più valide disponibili a livello Europeo: http://www.ema.europa.eu/docs/it_IT/document_library/EPAR_-_Product_Information/human/001016/WC500036358.pdf.

Il mio parere generale, tuttavia, è quello di evitare qualunque sostanza farmacologica, para-farmacologica, o semplicemente alimentare a dosaggi inconsueti, che non sia non necessaria e che sia data con supposti scopi terapeutici.  Per due motivi:

  1. non vi sono prove scientifiche che alcuno dei prodotti che tu usi abbia una reale efficacia terapeutica (e ciò vale per tutti i prodotti cosiddetti “alternativi” o “complementari”).  A contrario, vi è la certezza di un costo economico che, in ragione della loro inutilità, è del tutto ingiustificato.
  2. I prodotti in questione contengono centinaia se non migliaia di sostanze chimiche semplici in dosaggi assolutamente variabili ed incontrollabili. In realtà, non si sa mai cosa si assume esattamente e ovviamente nessuno potrà mai dire con assoluta certezza che non vi saranno interazioni negative con la terapia farmacologica in atto, né che non vi saranno effetti negativi (anziché positivi) sulla storia naturale del cancro al polmone.

Ne consegue che il mio consiglio è quello di assumere SOLO i farmaci di documentata efficacia terapeutica (IRESSA) ed evitare di aggiungere varie composizioni di sostanze chimiche diverse, a dosaggio variabile, potenzialmente dannose e mai provate efficaci.

Cordialmente,

direttore-medico-firmaGianfranco Buccheri

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.