Fistola bronco-pleurica post-chirurgica

Fistola bronco-pleurica post-chirurgica

Buongiorno dottore, sono ormai 1 anno e 5 mesi che ho una finestra Toracostomica per una fistola bronco-pleurica avvenuta dopo un mese dal l’asportazione dell’intero polmone. Medico tutti i gg la cavità ed a volte anche due volte al dì quando si ripresenta lo pseudonomas arruginosa. La fistola in se nn accenna a diminuire mentre la cavità comunque si è ristretta un pochino. I miei medici nn sanno fornirmi una prognosi è mi consigliano di continuare così che è la strada giusta e si dovrebbe chiudere da sola.
La mia domanda è: non c’è proprio nulla da fare per accelerare i tempi? Altre soluzioni tipo trapianti di pelle o che ne so tessuti ottenuti artificialmente? Si può avere dalle statistiche delle tempistiche? Che cosa devo aspettarmi per il futuro?

Davide

Caro Davide...

come forse saprai (ma lo spiego per chi ci legge) la fistola bronco-pleurica post-chirurgica è una rara complicazione dell’intervento di asportazione del tumore polmonare (di solito a seguito di pneumonectomia).  Dipende dalla mancata cicatrizzazione della legatura del moncone di resezione bronchiale, che finisce per riaprirsi. Ciò provoca il fatto che aria e materiale bronchiale possono entrare liberamente nel cavo pleurico determinando infezioni ripetute ed altre conseguenze, anche serie. La finestra toracotomica che ti è stata praticata permette di liberare il cavo pleurico del materiale infetto, senza che questo debba passare dai bronchi.  Il che è mia causa delle conseguenze severe cui prima accennavo.

Confermo che tutto quanto ti hanno detto i tuoi medici, Davide, è corretto, e la soluzione di tenersi la finestra toraco-pleurica è la migliore, anche se assai fastidiosa…. Personalmente ho avuto un paziente, guarito dal tumore, ma come te soggetto alla schiavitu’ delle medicazioni, che è andato avanti per anni,  senza significativo peggioramento della qualità di vita (essendo un muratore, si era costruito nel frattempo la casa che aveva sempre desiderato…).

Un’ alternativa remota potrebbe essere quella di fare un ampio intervento di “decorticazione pleurica” e di richiusura della fistola bronchiale. Ma, a parte il fatto che si tratta di un intervento estremamente demolitivo, esso è gravato da un’ampia percentuale di insuccessi. La fistola bronchiale, infatti, si può riaprire, anche dopo il nuovo intervento di plastica. Prendere questa decisione è dunque abbastanza difficile e certamente devi sentire prima il parere di un ottimo chirurgo toracico (puoi consultare qui la lista dei migliori medici italiani, chirurghi inclusi: https://www.alcase.eu/medici-eccellenti/).

Spero di esser stato sufficientemente chiaro e, soprattutto, utile.….

direttore medicoCordialmente,
Gianfranco Buccheri

Leave a Reply

Your email address will not be published.