Formazione nodulare in “honey comb lung”

Formazione nodulare in “honey comb lung”

Salve, vi chiedo un vostro cortese parere circa il referto della Tac (senza mezzo di contrasto) effettuata da mio padre, uomo di 80 anni, ex fumatore (ha smesso 20 anni fa dopo 50 anni di dipendenza da fumo) con familiarità per tumore ai polmoni, ha perso una sorella di 46 anni, circa 30 anni fa.

Il referto della tac riporta quanto segue:

Ispessimenti fibrotici pleuro-paranchimali si rilevano in sede apicale, bilateralmente.
A carico del segmento ventrale del lobo superiore del polmone di destra e al segmento latero-basale del lobo inferiore di sinistra, adeso alla parete toracica, si reperta la presenza di una formazione nodulare di circa mm 9×6 la prima e di mm 8 la seconda, da monitorare.
Si apprezza un diffuso ed irregolare ispessimento interstiziale, accentuato alle basi con aspetto “vetro smerigliato” ed iniziale quadro a “honey comb”.
Linfogangli aumenti di volume, con diametro massimo di mm 8, si rilevano nella loggia del Barety ed in sede paratracheale.

Alla luce di questo referto vorrei avere un vostro parere e indicazioni su quali sono i passi da compiere, inoltre, capire quali sono le possibilità che si tratti di un tumore maligno e se, vista la sede dei noduli, è possibile intervenire chirurgicamente per asportarli.

Grazie
cordialmente
Maria Teresa

Caro amico...

Cara Maria Teresa,
non vi è niente di particolarmente preoccupante alla TAC, se non per i due noduli polmonari subcentrimetrici, che in effetti potrebbero anche essere di natura tumorale. In particolare, il referto del radiologo può essere così interpretato:

“Ispessimenti fibrotici pleuro-paranchimali si rilevano in sede apicale, bilateralmente”: si tratta di vecchie cicatrici che, per la sede (apicali), sono di solito degli esiti di una pregressa tubercolosi;
“Si apprezza un diffuso ed irregolare ispessimento interstiziale, … tipo honey comb”: è un ispessimento dell’interstizio polmonare che assume un aspetto ad alveare. E’ tipico delle fibrosi polmonari, la cui natura va chiarita dal clinico;
“Linfogangli aumenti di volume, con diametro massimo di mm 8,..”. Piccole adenopatie, non necessariamente patologiche (potrebbero anche essere legate alla fibrosi polmonare di cui parlavo prima);
“formazione nodulare di circa mm 9×6 la prima e di mm 8 la seconda, da monitorare.”. Queste sono appunto le lesioni polmonari subcentrimetriche, cui prima accennavo, che correttamente il radiologo consiglia siano valutate con maggiore attenzione…
In conclusione, è necessario avere maggiori informazioni anamnestiche, visitare il tuo papà e controllare tutti gli altri accertamenti clinci effettuati in passato al fine di programmare eventuali ulteriori esami, necessari ad escludere una patologia non benigna. Per questo, devi rivolgerti a un bravo pneumolgo. La nostra lista dei “medici eccellenti potrebbe aiutarti.

Cordialmente,

Gianfranco Buccheri

CLICCA PER CONTINUARE A LEGGERE

Leave a Reply

Your email address will not be published.