Lo sviluppo della ricerca – La storia di Tiffany Fagnani

Lo sviluppo della ricerca – La storia di Tiffany Fagnani

Mi chiamo Tiffany . Ho 40 anni e attualmente vivo in Pennsylvania. Sono sempre stata una persona impegnata con molte cose da fare, quindi quando ho iniziato a sentirmi stanca e a perdere peso, ho pensato che fosse causato dallo stress della mia routine quotidiana.
Però a luglio 2017 che non potevo più ignorare i sintomi. Quando ho sviluppato un’emicrania e ho sentito un tremore al braccio e agli occhi, ho capito che stavo per perdere conoscenza. Ho chiamato subito l’ambulanza.
Quando l’ambulanza è arrivata a casa mia, i paramedici mi hanno trovato priva di sensi. Sono stato trasportata in un vicino centro medico dove i medici inizialmente pensavano che avessi avuto un ictus. Hanno eseguito una TAC, che ha mostrato una massa di 3 centimetri nel polmone e una massa di 2 centimetri nel cervello.
Poco dopo, sono stato trasferita in un altro ospedale dove mi è stato diagnosticato un cancro ai polmoni non a piccole cellule che si era metastatizzato al cervello. I medici mi hanno detto che avevo solo sei mesi o un anno di vita, anche con le cure.
Ero devastata e sconvolta dalla diagnosi. All’epoca avevo solo 36 anni, non avevo mai fumato e conducevo uno stile di vita sano. Ero terrorizzata e preoccupata per quello che stavo per fare. Sapevo di avere molto di più nella mia vita da realizzare e non ero pronta a mollare.
Dopo aver subito molti altri test, ho appreso di avere una mutazione del recettore del fattore di crescita epidermico, noto anche come EGFR (un tipo di proteina espressa sulla superficie delle cellule). Questo tipo di mutazione si trova comunemente nei pazienti con cancro ai polmoni come me che non hanno mai fumato o che hanno fumato pochissimo nella loro vita . Dopo questo, sono stato indirizzato in un centro specializzato, dove avrei ricevuto le migliori cure possibili.
Il mio primo appuntamento è stato con l’oncologo Anthony J. Olszanski , che si è messo subito in contatto con un neurochirurgo il quale ha eseguito una craniotomia per rimuovere la massa dal cervello nell’agosto 2017.
Circa tre o quattro settimane dopo l’intervento, l’ oncologa radioterapista ha iniziato i trattamenti CyberKnife, un sistema di somministrazione di radiazioni non invasivo che può essere utilizzato per il trattamento di tumori difficili ai polmoni, alla testa, alla colonna vertebrale e alla prostata. Ho ricevuto tre trattamenti CyberKnife e ho iniziato a prendere Tarceva ®, noto anche come erlotinib, una terapia antitumorale mirata per i pazienti con la mutazione EGFR.

Sono rimasta stabile sul trattamento fino a dicembre 2018, fino a che il cancro ha iniziato a progredire. Ho fatto una biopsia e mentre aspettavo i risultati, ero uno straccio.

All’ appuntamento successivo, mi è stata fatta un’ecografia endobronchiale che ha rilevato la mutazione T790M, il che significava che il mio trattamento sarebbe stato probabilmente efficace.

Ho iniziato a prendere Tagrisso ®, una terapia mirata nota anche come osimertinib, a gennaio 2019. Nel mese di luglio 2020 sono stata trattata con radiazioni sul lobo superiore destro del polmone. Da allora sono stabile e torno al centro circa una volta ogni tre mesi per il follow-up.
La cosa più incredibile del mio viaggio contro il cancro è vedere in prima persona come si sta sviluppando la ricerca sul mio specifico tipo di cancro. Ho avuto la possibilità di visitare alcuni dei laboratori e vedere con i miei occhi come i ricercatori stanno imparando di più sul tipo di cancro polmonare.
Il mio team mi ha riempito di così tante speranze. A tutti raccomando centri con medici super specialisti per avere un trattamento di prim’ordine.

Fonte Fox Chase

 

5 x 1000

Il 5 x mille è una risorsa importante per ALCASE, un aiuto per continuare ad essere a fianco dei malati di cancro al polmone.
96037610043