Salvata da un inibitore MET – La storia di Laura

Salvata da un inibitore MET – La storia di Laura

Mentre tornava a casa con il figlio di sei anni da una lezione di sci, Laura Greco vide un’auto che veniva direttamente verso di lei. Era il febbraio 2015, un inverno di abbondanti nevicate, che aveva provocato molte difficoltà alla circolazione. Miracolosamente, l’impatto ha creato molti più danni alle auto coinvolte che alle persone. Laura e suo figlio sono stati portati in ospedale per i controlli di routine. Laura, avendo avuto una commozione cerebrale, si è sottoposta a una TAC .“Non vediamo nulla relativo all’incidente, ma dovresti controllare la massa nel petto. Probabilmente non è niente. ” le dissero i medici.
Né Laura né i medici erano preoccupati. Essendo una quarantenne sana e priva di fattori di rischio, è stata più scossa dall’incidente che dalla notizia di una massa nel torace.
Pochi giorni dopo, però, ha avuto problemi mal di testa e difficoltà di concentrazione. Ha chiamato il suo medico di base che le ha prescritto delle analisi approfondite. Il risultato è stato: carcinoma polmonare non a piccole cellule , stadio 3A .
Laura ha iniziato subito un piano di trattamento composto da 6 settimane di chemioterapia e radioterapia concomitanti , seguite da una lobectomia inferiore. I test sui biomarcatori hanno mostrato che il suo cancro ai polmoni era positivo sia per la fusione ALK che per l’amplificazione MET. Sebbene i test di follow-up abbiano mostrato una modesta riduzione delle cellule tumorali, il coinvolgimento dei linfonodi era preoccupante. Laura aveva un cancro attivo al petto e la sua malattia si era diffusa. Un ulteriore trattamento chemioterapico ha funzionato e per i successivi 15 mesi, il cancro di Laura si è fermato. Così è stato dichiarato è stato NED (nessuna evidenza di malattia).
Nell’autunno del 2016, però, Laura ha cominciato a sentire dolore al collo e mal di testa, cose che ha attribuito ai suoi impegni. Una risonanza magnetica cerebrale ha rivelato non solo diverse metastasi ma un gonfiore significativo. Dopo sei settimane di trattamento farmacologico specificamente mirato per colpire il biomarcatore ALK, c’è stata riduzione del 75% delle cellule tumorali, che è rimasta stabile per tutto il 2017 e gran parte del 2018. Nel luglio 2018, quando si sono manifestate nuove metastasi cerebrali, Laura è stata sottoposta a radioterapia stereotassica e ha continuato a prendere farmaci orali, che hanno mantenuto una stabilità delle sue condizioni .
Nell’estate del 2019, Laura ha iniziato a manifestare sintomi associati alla necrosi cerebrale: un effetto collaterale comune delle radiazioni. A settembre ha iniziato quello che descrive come un “lento declino“. Tra i suoi sintomi più fastidiosi, soffriva di letargia, dolore al collo e vomito. Il suo declino lasciava perplessi i suoi medici.
Dopo molti attacchi, alla fine è stata determinata la radice del suo dolore. Il corpo di Laura si stava letteralmente spegnendo per l’ idrocefalo, un accumulo di liquido cefalorachidiano che causa danni al tessuto cerebrale. Nei due mesi successivi, si sarebbe sottoposta a due interventi chirurgici al cervello durante i quali i chirurghi sono stati in grado di rimuovere quasi tutte le cellule tumorali maligne. E, forse ancora più importante, è stato determinato che era il biomarcatore MET a essere responsabile della crescita.
A dicembre 2019, Laura è stata la prima persona al mondo a prendere un inibitore MET, insieme all’inibitore ALK, che ha dimostrato di funzionare bene contro le metastasi cerebrali. Le sue scansioni di gennaio hanno mostrato chiare prove che i farmaci funzionavano e nel febbraio del 2020, contro ogni previsione, Laura ha ripreso la sua vita e ha sciato per la prima volta dalla sua diagnosi.
È grazie ai rapidi progressi nella ricerca sul cancro del polmone che Laura oggi è viva. Poiché i suoi biomarcatori sono stati prima identificati e poi mirati con l’inibitore MET, è in grado di vivere una vita equilibrata, trascorrendo del tempo con i suoi figli e lavorando anche per i malati di cancro ai polmoni.

Fonte lcfamerica

Sei un malato di cancro al polmone?  

 

NON FERMARTI QUI.  VISITA LA NOSTRA HOME.

Solo da lì è possibile accedere a tutti i servizi che ALCASE Italia mette a disposizione per te!

    Per altre pagine clicca ovunque, fuori dal riquadro