Riposarsi e ricaricarsi – La storia di Samantha Mixon

Riposarsi e ricaricarsi – La storia di Samantha Mixon

Samantha (Sam) Mixon di 38 anni, residente a St. Simons Island in Georgia (USA), è sempre stata appassionata di vita.
Innanzitutto, c’era il suo amore per la figlia di 12 anni Karley.

riposarsi e ricaricarsiPoi ci sono stati gli anni in cui aveva giocato con l’American Pool Association e il suo impegno nel lavoro come direttore generale di un hotel e ristorante locale.
Dopo la diagnosi di cancro ai polmoni ha smesso di lavorare, ha smesso di giocare a biliardo e ha dedicato le sue energie alla sua salute.

La diagnosi di Samantha è stata una vera sorpresa per lei, dal momento che, come molte persone con cancro ai polmoni, non aveva mai fumato in vita sua.

Soffriva di dolori alla schiena e alle spalle da anni, ma non ci aveva mai fatto molto caso, pensando che fosse qualcosa di innocuo come uno stiramento muscolare. Però non potè più ignorarlo, quando il dolore aumentè considerevolmente.

Nel 2012 fece visita a sua sorella e ai suoi genitori per il Ringraziamento e il giorno in cui doveva partire per casa perse improvvisamente la vista ed iniziò a vomitare.

Quindi sua madre la portò immediatamente in ospedale, dove una risonanza magnetica rivelò un tumore al cervello.

All’inizio era relativamente indifferente – dopotutto, i tumori erano presenti nella sua famiglia e tendevano sempre ad essere benigni – ma quando si svegliò dopo un intervento chirurgico al cervello, vide gli sguardi sui volti dei suoi genitori e del medico.

Capì subito che non sarebbe stato così facile.
A Samantha fu diagnosticato un cancro del polmone in stadio IV, in particolare un adenocarcinoma non a piccole cellule con una mutazione positiva dell’EGFR. Da allora è in cura e per fortuna i suoi due tumori rimanenti si sono ridotti negli ultimi cinque anni e sono attualmente inattivi.

Samantha dice che avere il cancro l’ha resa molto più umile.
Capisce ora che l’aspetto esteriore di qualcuno non segue necessariamente ciò che sta realmente accadendo all’interno. “Anche con il mio polmone parzialmente collassato, non sembro così stanca ed esausta come a volte mi sento. Quindi ora non giudico più le persone così duramente, perché non sai mai cosa stanno passando le persone dentro di sè”.

Il suo consiglio alle persone che si occupano di cancro ai polmoni da sole o nelle loro famiglie è di assicurarsi di concentrarsi sul riposo e sul recupero. “Quando il tuo corpo ti dice che è ora di riposare, devi assicurarti che i tuoi famigliari ti diano il tempo necessario per riposarti e ricaricarti. Il cancro ti toglie molto“.

Sam rimane ben concentrata sulla sua salute e sulla sua guarigione.

Motto della GO2 Foundation

Sia che tu abbia camminato una maratona per raccogliere fondi per la ricerca sul cancro, abbia partecipato a una sperimentazione clinica o stia subendo l’ennesimo trattamento, la comunità del cancro del polmone è piena di persone positive la cui determinazione a combattere il cancro non conosce limiti.

Link all’articolo originale della GO2 Foundation for Lung Cancer

ALCASE will note on the translated page(s): “Copyright GO2 Foundation for Lung Cancer. Used with permission”

 

 

A Novembre, mese di sensibilizzazione del cancro al polmone, le città italiane aderiscono alla campagna

Illumina Novembre  e si illuminano di bianco.

Per informare che oggi ci sono nuovi strumenti per combattere le neoplasie polmonari: lo screening, l'immunoterapia

e i farmaci mirati