Convivere con il cancro del polmone per undici anni con lucidità, amore e forza – La storia di Ketty

Convivere con il cancro del polmone per undici anni con lucidità, amore e forza – La storia di Ketty

Carissimi amici, fratelli di avventura, vi scrivo per condividere la mia storia che spero possa essere di aiuto a quanti hanno una anamnesi simile alla mia.
Nel 2010 avevo 49 anni ed ero piena di salute ed energie.
Fumatrice dall’età di 16 anni con una media di 25 sigarette al giorno, soffrivo di ipertensione arteriosa e di attacchi di panico dal 2006 ed ero in terapia medica con Dilatrend 6,25 e sereupin 20 mg.

Già dal mese di dicembre del 2009  avvertivo i dolore alla spalla sinistra. Era continuo e costante e mi dava la sensazione di avere una spada conficcata nella scapola .

Solo il 15 marzo del 2010 ho eseguito una radiografia al torace che ha lasciato forti dubbi ed una raccomandazione per eseguire una tac total –body.

Cosa ha evidenziato? Una lesione polmonare al lobo inferiore sinistro di 45 mm con sospetti noduli satellite. Non erano presenti emopatie mediastiniche .Negativo il resto.

Il 7 aprile del2010 mi sono recata all’ istituto Humanitas Gavazzeni di Bergamo dove sono stata affidata all’ equipe del Grande Dott Adriano Rizzi , che mi ha sottoposto ad intervento di pneumonectomia totale sinistra con ampia linfadenectomia ilo mediastinica.
L’esame istologico diagnosticava un adenocarcinoma G2 pT2a N2 e una mutazione EGFR esone 19.

Il 10/06/2010 ho iniziato terapia con cisplatino 80mg /mq e vinorelbina 25mg/mq die 1,8 ogni 21 gg di cui ha eseguito quattro cicli, ultimo il 30/08/2010(ultimo ciclo con sola vinorelbina per nausea e vomito di grado severo).
Credo sia stato il periodo più brutto della mia vita!

Dal 23/09/2010 al 29/10/2010 mi sono sottoposta a 25 sedute di radioterapia complementare sul mediastino mediante tecnica a modulazione di intensità con dose totale somministrata di 50Gy.
Il 09/12/2010 una Tc ad encefalo-torace-addome con mdc ha evidenziato sospette adenopatie a livello mediastinico del diametro massimo di 14 mm , non confermate ad una PET successiva del 17dicembre.
Al controllo del 28 marzo del 2011 la PET total-body segnalava una verosimile ripresa di malattia in esiti di pneumonectomia sinistra.Ad aprile la Tc collo-torace con mdc ha confermato una ripresa locale di malattia ( comparsa di una lesione di circa 2,5 cm in adiacenza alle catenelle chirurgiche e millimetriche lesioni polmonari a destra sospette per secondarismi).

A maggio ho iniziato la terapia con Iressa 250 mg con evidenza di risposta radiologica completa.
A questo punto le condizioni generali erano buone.

Ho assunto Iressa con regolarità per dieci anni con effetti collaterali lievi di diarrea e tossicità cutanea in miglioramento e un po’ più marcati a livello ungueale.

Oggi sono felice di poter condividere questa esperienza con voi e ringrazio Iddio ogni ora della mia vita ( nel 2010 nessun medico avrebbe scommesso che avrei vissuto più di 4/5 mesi ).

Bisogna avere fede, tanta e affidarsi al Signore.
Ma bisogna anche avere la lucidità di affidarsi a medici competenti che non ti considerano un numero ma una Persona.

E poi gioca un ruolo fondamentale l’amore e la forza che ci trasmettono i nostri cari.

Ringrazio Alcase che mi ha dato la possibilità di condividere con voi la mia storia e sono a vostra disposizione per una chiacchierata amichevole se ne avrete bisogno.
Insieme è più bello!

Vi abbraccio

Ketty Bassano

Sei un malato di cancro al polmone?  

 

NON FERMARTI QUI.  VISITA LA NOSTRA HOME.

Solo da lì è possibile accedere a tutti i servizi che ALCASE Italia mette a disposizione per te!

    Per altre pagine clicca ovunque, fuori dal riquadro