Aperto una nuovo approccio (basato sull’immunoterapico SINTILIMAB) per curare i tumori polmonari EGFR mutati in progressione dopo inibitori TK

Aperto una nuovo approccio (basato sull’immunoterapico SINTILIMAB) per curare i tumori polmonari EGFR mutati in progressione dopo inibitori TK

Screen-shot dell'articolo originale

Titolo

Sintilimab più il bio-analogo del bevacizumab IBI305 e la chemioterapia per pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule non squamoso EGFR mutato in progressione di malattia dopo trattamento con inibitori della tirosin-chinasi: primi risultati ad interim di uno studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, di fase 3 (ORIENT-31)


Premessa

Gli inibitori del recettore VEGF possono aumentare l’efficacia dell’immunoterapia.  Nonostante gli alti tassi di risposta clinica iniziale, quasi tutti i pazienti sviluppano resistenza al trattamento con inibitori della tirosin-chinasi dell’EGFR. Abbiamo mirato a valutare l’efficacia e la sicurezza di Sintilimab, con o senza IBI305, più pemetrexed e cisplatino rispetto a pemetrexed e cisplatino da soli, per il trattamento di pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) EGFR mutato, localmente avanzato o metastatico, in progressione di malattia dopo terapia con un inibitore della tirosin-chinasi dell’ EGFR.

Metodi

Questo studio randomizzato, in doppio cieco, multicentrico, di fase 3 è stato condotto in 52 ospedali in Cina. I partecipanti idonei erano adulti di età compresa tra 18 e 75 anni con NSCLC e mutazione EGFR, localmente avanzato o metastatico che erano progrediti dopo aver ricevuto un inibitore della tirosin-chinasi dell’EGFR; avevano un ECOG performance status di 0 o 1 con almeno una lesione misurabile e una stimata aspettativa di vita di almeno 3 mesi. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale (1:1:1) a ricevere sintilimab (200 mg) + IBI305 (15 mg/kg) + pemetrexed (500 mg/m2) e cisplatino (75 mg/m2), sintilimab + pemetrexed e cisplatino, oppure pemetrexed e cisplatino (solo chemioterapia) mediante randomizzazione a coorti, con stratificazione in base al sesso e alla presenza o assenza di metastasi cerebrali. Tutti i farmaci in studio sono stati somministrati per via endovenosa il primo giorno di ogni ciclo, eseguito una volta ogni 3 settimane.  Fatta eccezione per il cisplatino, che è stato somministrato solo nei primi quattro cicli, il trattamento è stato continuato per 24 mesi o fino alla progressione della malattia, alla comparsa di effetti tossici intollerabili, alla revoca del consenso, alla morte o ad altre condizioni specificate dal protocollo, a seconda di quale si verificasse per prima.  L’endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione nella popolazione, valutata sulla base del criterio “intent-to-treat”. Riportiamo qui la prima analisi ad interim pianificata, con risultati di sopravvivenza libera da progressione per il confronto tra sintilimab + IBI305 + chemioterapia, rispetto alla sola chemioterapia. I risultati di sopravvivenza libera da progressione per il gruppo sintilimab + pemetrexed e cisplatino sono immaturi e non riportati qui. Questo studio è registrato su ClinicalTrials.gov come NCT03802240 (ed è ancora in fase di arruolamento).

Risultati

Tra l’11 luglio 2019 e il 31 luglio 2021, 936 pazienti sono stati valutati e 444 sono stati assegnati in modo casuale (148 al gruppo sintilimab + IBI305 + chemioterapia, 145 al gruppo sintilimab + chemioterapia e 151 al gruppo chemioterapia da sola). Per questa analisi ad interim sono stati utilizzati dati ottenuti sino al 31 luglio 2021. Dopo un follow-up mediano di 9,8 mesi (IQR 4,4–13,3), la sopravvivenza libera da progressione era significativamente più lunga nel gruppo sintilimab + IBI305 + chemioterapia rispetto al gruppo chemioterapico da solo (mediana 6,9 mesi [IC 95% 6·0–9,3] vs 4,3 mesi [4,1–5,4]; hazard ratio 0,46 [0,34–0,64]; p<0·0001). Gli eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o 4 più comuni sono stati la diminuzione della conta dei neutrofili (30 [20%] nel gruppo sintilimab + IBI305 + chemioterapia vs 26 [18%] nel gruppo sintilimab + chemioterapia vs 27 [18%] nel gruppo chemioterapico da solo), diminuzione della conta dei globuli bianchi (17 [11%] vs 12 [8%] vs 13 [9%]) e anemia (18 [12%] vs 10 [7%] vs 15 [10%] ). Decessi potenzialmente correlati al trattamento si sono verificati in 6 pazienti (ostruzione intestinale, emorragia gastrointestinale e mielosoppressione in tre pazienti e tre decessi per causa sconosciuta) nel gruppo sintilimab + IBI305 + chemioterapia.  Ed in un solo paziente nel gruppo solo chemioterapico (causa sconosciuta).

Interpretazione

In questa analisi ad interim, il trattamento combinato di Sintilimab più IBI305 più cisplatino e pemetrexed è stato generalmente efficace e ben tollerato nei pazienti con NSCLC e mutazione dell’EGFR, progredito dopo aver ricevuto una precedente terapia con inibitori della tirosin-chinasi dell’EGFR.

Commento

La terapia mirata all’EGFR è il trattamento standard per i pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) che presenta mutazioni dell’EGFR. Tuttavia, la maggior parte dei pazienti prima o poi presenta recidive, poiché il tumore diventa resistente alla terapia mirata. In questi casi le opzioni terapeutiche sono più ristrette, e si opta per la chemioterapia. 

Studi preliminari hanno dimostrato che un trattamento concomitante basato sull’immunoterapia (adoperando inibitori di PD-1 o PD-L1 ) e sull’inibizione del vascular endothelial growth factor, più noto come VEGF, potrebbe aiutare tali pazienti.  Infatti, VEGF è  strettamente correlato all’EGFR. 

Con questa premessa, lo studio clinico in questione è il primo a studiare un inibitore del VEGF (in questo caso IBI305, un medicinale bio-analogo a bevacizumab (Avastin®)) in combinazione con un inibitore del PD-1 (sintilimab) e la chemioterapia in pazienti con NSCLC avanzato e mutazione dell’EGFR,  in progressione nonostante una precedente terapia mirata all’EGFR. 

Lo studio è molto ambizioso, con un ampia capacità di arruolamento e un potere statistico potenzialmente molto alto.  Il disegno di studio è complesso, ma assai rigoroso (randomizzazione per coorti, stratificazione e doppio cieco) e appare essere stato scrupolosamente seguito.   Questo primo articolo riporta dati ancora un pò acerbi, ma che paiono già dimostrare una maggiore attività antitumorale per la combinazione sintilimab + IBI305 +  chemioterapia rispetto alla chemioterapia da sola.  Lo studio è attualmente ancora in corso in Cina, e se ulteriori risultati supporteranno i dati di cui sopra, potrebbe aprirsi la via ad un nuovo trattamento per i pazienti in recidiva dopo terapia con farmaci come il Tagrisso®.

Boves, 26-9-2022

Anna Muroni

direttore medico

Gianfranco Buccheri

Leave a Reply

CONFERMO DI: 1.) ESSERE SUPPORTER di ALCASE e di aver inviato la ricevuta della mia donazione a segreteria@alcase.it; 2.) AVERE BEN INTESO LE ALTRE REGOLE DELLA RUBRICA "GLI ESPERTI RISPONDONO" qui descritte: Gli Esperti Rispondono ; e 3.) AUTORIZZARE LA PUBBLICAZIONE INTEGRALE DEL MIO COMMENTO

Your email address will not be published.

ATTENZIONE: non verrà data alcuna risposta ad eventuali commenti posti da non SUPPORTER di ALCASE.

Sei un malato di cancro al polmone?  

 

NON FERMARTI QUI.  VISITA LA NOSTRA HOME.

Solo da lì è possibile accedere a tutti i servizi che ALCASE Italia mette a disposizione per te!

    Per altre pagine clicca ovunque, fuori dal riquadro