Tumore polmonare non a piccole cellule – PDQ@

Versione per pazienti

Panoramica delle opzioni di trattamento

 

Punti chiave per questa sezione
• Esistono diversi tipi di trattamento per i pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule.

Vengono utilizzati dieci tipi di trattamento standard:

CHIRURGIARADIOTERAPIA
CHEMIOTERAPIATERAPIA MIRATA
IMMUNOTERAPIATERAPIA LASER
TERAPIA FOTODINAMICA (PDT) CRIOCHIRURGIA
ELETTROCAUTERIZZAZIONEVIGILE ATTESA

Nuovi tipi di trattamento, che sono in fase di sperimentazione clinica, sono:

◦ chemioprevenzione

◦ radiosensibilizzanti

◦ Nuove combinazioni

• Il trattamento per il carcinoma polmonare non a piccole cellule può causare effetti indesiderati.

• I pazienti potrebbero voler pensare di prendere parte a una sperimentazione clinica.

• I pazienti possono accedere a studi clinici prima, durante o dopo l’inizio del trattamento del loro cancro.

• Potrebbero essere necessari visite ed esami di follow-up.

Esistono diversi tipi di trattamento per i pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule.

Sono disponibili diversi tipi di trattamento per pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule . Alcuni trattamenti sono standard (il trattamento attualmente utilizzato) e alcuni sono in fase di test negli studi clinici. Gli studi clinici sono studi di ricerca intesi a migliorare i trattamenti attuali o ad ottenere informazioni su nuovi trattamenti per i pazienti. Quando gli studi clinici dimostrano che un nuovo trattamento è migliore del trattamento standard, il nuovo trattamento può diventare il trattamento standard. I pazienti potrebbero desiderare di prendere parte a una sperimentazione clinica. Alcuni studi clinici sono aperti solo ai pazienti che non hanno iniziato il trattamento.

Quattro tipi di interventi chirurgici sono usati per trattare il cancro ai polmoni

Resezione “a cuneo”: rimozione del tumore e di parte del tessuto normale che lo circonda. Quando viene prelevata una quantità leggermente maggiore di tessuto, si parla di resezione segmentaria

NSCLC

Resezione cuneiforme del polmone. Parte del lobo polmonare contenente il cancro e una piccola quantità di tessuto sano attorno ad esso viene rimossa

 

 

 

 

 

 

Lobectomia: rimozione chirurgica di un intero lobo (sezione) del polmone.

NSCLC

Lobectomia. Un lobo del polmone viene rimosso

 

 

 

 

 

 

 

Pneumonectomia : rimozione dell’intero polmone.

NSCLC

Pneumonectomia. L’intero polmone viene rimosso

 

 

 

 

 

 

 

Resezione del manicotto: rimozione del tumore e di una parte del del bronco.

Dopo che il chirurgo ha rimosso tutto il tumore visualizzabile al momento dell’intervento, alcuni pazienti possono ricevere la chemioterapia o la radioterapia, dopo l’intervento chirurgico, per tentare di uccidere tutte le cellule tumorali rimaste.

Il trattamento somministrato dopo l’intervento chirurgico, per ridurre il rischio di recidiva del tumore, si chiama terapia adiuvante.

Pneumectomia: intervento che consiste nella rimozione dell’intero polmone.

Resezione a manicotto: intervento che serve a rimuovere una parte del bronco che non sarebbe inclusa nella lobectomia o pneumectomia.

Anche qualora il chirurgo dovesse rimuovere tutto il tumore visibile al momento dell’intervento, alcuni pazienti possono essere sottoposti ad una chemioterapia o radioterapia post-intervento al fine di uccidere eventuali cellule tumorali rimaste. La terapia somministrata dopo un intervento chirurgico (per ridurre il rischio di recidiva) si chiama terapia adiuvante.

La radioterapia è un trattamento antitumorale che utilizza radiazioni ad alta energia o altri tipi di radiazioni per uccidere le cellule tumorali o impedirne la crescita. Esistono due tipi di radioterapia:

• La radioterapia esterna utilizza una macchina posta all’esterno del corpo per inviare radiazioni verso l’area del corpo che contiene il cancro.

• La radioterapia interna utilizza una sostanza radioattiva sigillata in aghi, semi , fili o cateteri che vengono posizionati direttamente dentro il corpo, vicino al tumore.

La radioterapia corporea stereotassica è un tipo di radioterapia esterna. Apparecchiature speciali vengono utilizzate per posizionare il paziente nella stessa posizione per ciascuna seduta di trattamento. Una volta al giorno per diversi giorni, una apparecchiatura per emissione radiazioni invia una dose di radiazioni più grande del solito, direttamente sul tumore. Avendo il paziente la stessa posizione per ogni trattamento, ci sono meno danni ai tessuti sani vicini. Questa procedura è anche chiamata radioterapia stereotassica a raggi esterni e radioterapia stereotassica.

La radiochirurgia stereotassica è un tipo di radioterapia esterna utilizzata per il trattamento del cancro del polmone che si è diffuso al cervello. Viene utilizzata una apparecchiatura per l’emissione delle radiazione che ha struttura rigida, appositamente studiata per mantenere ferma la testa durante il trattamento con radiazioni. Si invia così una singola grande dose di radiazioni direttamente al tumore contenuto nel cervello. Questa procedura non comporta un intervento chirurgico. Si chiama anche radiochirurgia stereotassica, radiochirurgia e chirurgia radiante.

Per i tumori delle vie aeree, le radiazioni vengono trasmesse direttamente al tumore attraverso un endoscopio .

Il modo in cui viene somministrata la radioterapia dipende dal tipo e dallo stadio del tumore in trattamento. Dipende anche da dove si trova il cancro. La radioterapia esterna e interna viene utilizzata per trattare il carcinoma polmonare non a piccole cellule.

Chemioterapia

La chemioterapia è un trattamento del cancro che utilizza farmaci per fermare la crescita delle cellule tumorali, uccidendo le cellule o impedendole di dividersi.

Quando la chemioterapia viene presa per via orale o iniettata in una vena o in muscolo, i farmaci entrano nel flusso sanguigno e possono raggiungere le cellule tumorali in tutto il corpo ( chemioterapia sistemica).

Quando la chemioterapia viene inserita direttamente nel liquido cerebrospinale, in un organo o in una cavità del corpo come l’ addome , i farmaci colpiscono principalmente le cellule tumorali in quelle aree ( chemioterapia regionale).

Il modo in cui viene somministrata la chemioterapia dipende dal tipo istologico e dallo stadio del tumore in trattamento.

Vedere Farmaci approvati per il carcinoma polmonare non a piccole cellule per ulteriori informazioni.

Terapia mirata

La terapia mirata è un tipo di trattamento che utilizza farmaci o altre sostanze per attaccare specifiche proteine delle cellule tumorali. Le terapie mirate di solito causano meno danni alle cellule normali rispetto alla chemioterapia o alla radioterapia. Gli anticorpi monoclonali e gli inibitori della tirosina chinasi sono i due principali tipi di terapia mirata utilizzati per il trattamento del carcinoma polmonare avanzato , metastatico o ricorrente non a piccole cellule.

Anticorpi monoclonali

La terapia con anticorpi monoclonali è un trattamento antitumorale che utilizza anticorpi prodotti in laboratorio da un singolo tipo di cellula del sistema immunitario . Questi anticorpi possono identificare sostanze sulle cellule tumorali o sostanze normali nel sangue o nei tessuti che possono favorire la crescita delle cellule tumorali. Gli anticorpi si attaccano a quelle sostanze e uccidono le cellule tumorali, bloccano la loro crescita o impediscono loro di diffondersi. Gli anticorpi monoclonali vengono somministrati per infusione . Possono essere usati da soli o per trasportare droghe, tossine o materiale radioattivo direttamente nelle cellule tumorali.

Esistono diversi tipi di terapia con anticorpi monoclonali:

• Terapia con inibitori del fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGF): le cellule tumorali producono una sostanza chiamata VEGF , che provoca la formazione di nuovi vasi sanguigni ( angiogenesi ) e aiuta la crescita del cancro. Gli inibitori del VEGF bloccano il VEGF e impediscono la formazione di nuovi vasi sanguigni. Questo può uccidere le cellule tumorali perché hanno bisogno di nuovi vasi sanguigni per crescere. Bevacizumab e Ramucirumab sono inibitori del VEGF e inibitori dell’angiogenesi .

• Terapia con inibitori del recettore del fattore di crescita epidermico (EGFR) : gli EGFR sono proteine presenti sulla superficie di alcune cellule, comprese le cellule tumorali. Il fattore di crescita epidermico si attacca all’EGFR sulla superficie della cellula e provoca la crescita e la divisione delle cellule. Gli inibitori dell’EGFR bloccano il recettore e impediscono al fattore di crescita epidermico di attaccarsi alla cellula tumorale. Ciò impedisce alla cellula tumorale di crescere e dividersi. Cetuximab e necitumumab sono inibitori dell’EGFR.

Inibitori della tirosina chinasi

Gli inibitori della tirosina chinasi sono farmaci caratterizzati da piccole molecole che attraversano la membrana cellulare e agiscono all’interno delle cellule tumorali per bloccare i segnali di crescita e divisione delle cellule tumorali. Alcuni inibitori della tirosina chinasi hanno anche effetti inibitori dell’angiogenesi.

Esistono diversi tipi di inibitori della tirosina chinasi:

• Inibitori della tirosina chinasi del recettore del fattore di crescita epidermico (EGFR): gli EGFR sono proteine presenti sulla superficie e all’interno di alcune cellule, comprese le cellule tumorali. Il fattore di crescita epidermico si attacca all’EGFR all’interno della cellula e invia segnali all’area tirosina chinasi della cellula, che dice alla cellula di crescere e dividere. Gli inibitori della tirosina chinasi EGFR fermano questi segnali e impediscono alla cellula cancerosa di crescere e dividersi. Erlotinib , gefitinib , afatinib e osimertinib sono tipi di inibitori della tirosin-chinasi EGFR. Alcuni di questi farmaci funzionano meglio quando c’è anche una mutazione (cambiamento) nel gene EGFR .

• Inibitori della chinasi che colpiscono le cellule con alcuni cambiamenti genetici:

Dabrafenib è usato per bloccare la catena di proteine prodotte dal gene BRAF.

Trametinib è usato per per bloccare la catena di proteine prodotte dal gene MEK.

Crizotinib e entrectinib sono usati per bloccare la catena di proteine prodotte dai geni ALK e ROS1.

Ceritinib , alectinib, brigantini e lorlatinib sono usati per bloccare la catena di proteine prodotte dal gene ALK .

Larotrectinib e entrectinib sono usati per bloccare la catena di proteine prodotte dalle fusioni geniche NTRK1 , NTRK2 e NTRK3 .

Vedere Farmaci approvati per il carcinoma polmonare non a piccole cellule per ulteriori informazioni.

Immunoterapia

L’immunoterapia è un trattamento che utilizza il sistema immunitario del paziente per combattere il cancro. Le sostanze prodotte dall’organismo o prodotte in laboratorio vengono utilizzate per potenziare, dirigere o ripristinare le difese naturali dell’organismo contro il cancro. Questo tipo di trattamento del cancro è anche chiamato bioterapia o terapia biologica. La terapia con inibitori del checkpoint immunitario è un tipo di immunoterapia utilizzata per il trattamento di alcuni pazienti con carcinoma polmonare avanzato non a piccole cellule. I diversi tipi di terapia con inibitori del checkpoint immunitario sono:

• Terapia con inibitori di PD-1 e PD-L1: PD-1 è una proteina presente sulla superficie delle cellule T che aiuta a tenere sotto controllo le risposte immunitarie del corpo. PD-L1 è una proteina presente in alcuni tipi di cellule tumorali. Quando il PD-1 si attacca al PD-L1, impedisce alla cellula T di uccidere la cellula cancerosa. Gli inibitori PD-1 e PD-L1 impediscono alle proteine PD-1 e PD-L1 di legarsi l’una all’altra. Ciò consente alle cellule T di uccidere le cellule tumorali. Pembrolizumab e nivolumab sono tipi di inibitori della PD-1. Atezolizumab e durvalumab sono tipi di inibitori della PD-L1.

NSCLC Inibitori del checkpoint immunitario. Le proteine del checkpoint, come il PD-L1 sulle cellule tumorali e il PD-1 sulle cellule T, aiutano a mantenere sotto controllo le risposte immunitarie. Il legame tra PD-L1 e PD-1 impedisce alle cellule T di uccidere le cellule tumorali nel corpo (pannello sinistro). Il blocco del legame tra PD-L1 e PD-1 con un inibitore del checkpoint immunitario (anti-PD-L1 o anti-PD-1) consente alle cellule T di uccidere le cellule tumorali (pannello destro).

Inibitori del checkpoint immunitario

L’immunoterapia utilizza il sistema immunitario per combattere il cancro. Questa animazione spiega un tipo di immunoterapia che utilizza inibitori del checkpoint immunitario per curare il cancro.

V. Video su Youtube

Vedere Farmaci approvati per il carcinoma polmonare non a piccole cellule per ulteriori informazioni.

 

Terapia laser

La terapia laser è un trattamento del cancro che utilizza un raggio laser (un fascio stretto di luce intensa) per uccidere le cellule tumorali.

Terapia fotodinamica (PDT)

La terapia fotodinamica (PDT) è un trattamento del cancro che utilizza un farmaco e un certo tipo di luce laser per uccidere le cellule tumorali. Un farmaco che non è attivo fino a quando non viene esposto alla luce viene iniettato in una vena. Il farmaco raccoglie più nelle cellule tumorali che nelle cellule normali. I tubi a fibre ottiche vengono quindi utilizzati per trasportare la luce laser sulle cellule tumorali, dove il farmaco diventa attivo e uccide le cellule. La terapia fotodinamica provoca pochi danni ai tessuti sani. È usata principalmente per trattare i tumori sopra o appena sotto la pelle o nel rivestimento degli organi interni. Quando il tumore si trova nelle vie aeree, la PDT viene somministrata direttamente al tumore attraverso un endoscopio.

La criochirurgia

La criochirurgia è un trattamento che utilizza uno strumento per congelare e distruggere tessuti anormali , come il carcinoma in situ . Questo tipo di trattamento è anche chiamato crioterapia. Per i tumori delle vie aeree, la criochirurgia viene eseguita attraverso un endoscopio.

Elettrocauterizzazione

L’elettrocauterizzazione è un trattamento che utilizza una sonda o un ago riscaldato da una corrente elettrica per distruggere il tessuto anormale. Per i tumori delle vie aeree, l’elettrocauterizzazione viene eseguita attraverso un endoscopio.

Vigile attesa

L’attesa vigile consiste nel monitorare attentamente le condizioni del paziente senza dare alcun trattamento fino a quando compaiono o cambiano alcuni segni o sintomi. Ciò può essere fatto in alcuni rari casi di carcinoma polmonare non a piccole cellule.

A Novembre, mese di sensibilizzazione del cancro al polmone,
le città italiane aderiscono alla campagna Illumina Novembre 

e si illuminano di bianco.
Perché?

 


Per informare sulla patologia e soprattutto sui nuovi strumenti terapeutici e diagnostici, ed in particolare sui test molecolari.