Prevenzione del tumore polmonare (PDQ®) del NCI

Versione per pazienti

I fattori di protezione per il cancro ai polmoni sono i seguenti:

fattori di protezione

Non fumare
Il modo migliore per prevenire il cancro ai polmoni è non fumare.

fattori di protezione

Smettere di fumare
I fumatori possono ridurre il rischio di cancro ai polmoni smettendo. Nei fumatori che sono stati curati per il cancro ai polmoni, smettere di fumare riduce il rischio di nuovi tumori ai polmoni. Corsi di disassuefazione, l’uso di prodotti sostitutivi della nicotina e la terapia antidepressiva hanno aiutato i fumatori a smettere definitivamente.

In una persona che ha smesso di fumare, la possibilità di prevenire il carcinoma polmonare dipende da quanti anni e dalla quantità di fumo pregresso e dal tempo passato dalla cessazione del fumo. Dopo 10 anni di cessazione del fumo, il rischio di cancro ai polmoni diminuisce dal 30% al 60%.

Sebbene il rischio di morire di cancro ai polmoni possa essere notevolmente ridotto smettendo di fumare per un lungo periodo di tempo, il rischio non sarà mai così basso come è il rischio nei non fumatori. Ecco perché è importante che i giovani non inizino a fumare.

Vedere di seguito per ulteriori informazioni sulla cessazione del fumo:
Tabacco (include aiuto per smettere)

Fumo di sigaretta: rischi per la salute e come smettere

fattori di protezione

Ridurre l’esposizione a fattori di rischio sul luogo di lavoro

Le leggi che proteggono i lavoratori dall’esposizione a sostanze cancerogene, come amianto, arsenico, nichel e cromo, possono aiutare a ridurre il rischio di sviluppare il cancro ai polmoni.

Le leggi che impediscono il fumo sul posto di lavoro aiutano a ridurre il rischio di cancro ai polmoni causato dal fumo passivo.

fattori di protezione

Eliminare l’esposizione al radon

La riduzione dei livelli di radon può ridurre il rischio di cancro ai polmoni, in particolare tra i fumatori di sigarette.

Alti livelli di radon nelle case possono essere ridotti adottando misure per prevenire perdite di radon, come sigillare gli scantinati.

Non è chiaro se

quelli qui accanto siano

realmente fattori protettivi

Dieta
Alcuni studi dimostrano che le persone che mangiano elevate quantità di frutta o verdura hanno un rischio inferiore di cancro ai polmoni rispetto a coloro che ne mangiano di piccole quantità. Tuttavia, poiché i fumatori tendono ad avere diete meno sane rispetto ai non fumatori, è difficile sapere se la riduzione del rischio deriva da una dieta sana o dal non fumare

Attività fisica
Alcuni studi dimostrano che le persone che sono fisicamente attive hanno un rischio inferiore di cancro ai polmoni rispetto alle persone che non lo sono.

Tuttavia, poiché i fumatori tendono ad avere diversi livelli di attività fisica rispetto ai non fumatori, è difficile sapere se l’attività fisica influisce sul rischio di cancro ai polmoni.

Quanto segue  non riduce il rischio di cancro ai polmoni:

Integratori di beta carotene nei non fumatori
Gli studi sui non fumatori mostrano che l’assunzione di integratori di beta carotene non riduce il rischio di cancro ai polmoni.

Integratori di vitamina E
Gli studi dimostrano che l’assunzione di integratori di vitamina E non influisce sul rischio di cancro ai polmoni.

A Novembre, mese di sensibilizzazione del cancro al polmone,
le città italiane aderiscono alla campagna Illumina Novembre 

e si illuminano di bianco.
Perché?

 


Per informare sulla patologia e soprattutto sui nuovi strumenti terapeutici e diagnostici, ed in particolare sui test molecolari.