Aggiornamento 2022

secondo American Society of Clinical Oncology

J Clin Oncol 2022 Jul 11;JCO2200825.doi: 10.1200/JCO.22.00825

CancerNet è un servizio di informazione sul cancro e la cura del cancro, approvato dall’American Society of Clinical Oncology (ASCO), e rivolto alle persone ammalate e alle loro famiglie.

L’11 luglio 2022 viene pubblicato l’ultimo aggiornamento.

Terapia per il cancro del polmone non a piccole cellule in stadio IV

senza alterazioni del driver: ASCO Living Guideline

Navneet Singh, Sarah Temin, Sherman Baker Jr, et al.

 

 

Riassunto

Scopo: Fornire raccomandazioni basate sull’evidenza che aggiornino le linee guida ASCO e dell’Ontario Health (Cancer Care Ontario) del 2020, in relazione alla terapia sistemica per i pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule in stadio IV senza alterazioni genetiche delle molecole “driver” .

Metodi: ASCO ha aggiornato le raccomandazioni sulla base di una revisione sistematica di studi clinici randomizzati dal 2018 al 2021.

Risultati: questo aggiornamento delle linee guida riflette i cambiamenti delle evidenze scientifiche rispetto all’aggiornamento precedente. Cinque studi clinici randomizzati forniscono la base di di questo aggiornamento. I risultati della revisione sistematica della letteratura includono efficacia e sicurezza dei trattamenti.

 

Raccomandazioni:

• Per i pazienti con elevata espressione del ligando della proteina della morte programmata-1 (PD-L1) (punteggio della proporzione tumorale positiva [TPS ≥ 50%]), carcinoma a cellule non squamose (non SCC) e performance status (PS) 0 -1, i medici possono offrire atezolizumab in monoterapia.

• Con un’elevata espressione di PD-L1 (TPS ≥ 50%), non-SCC e PS 0-1, i medici possono offrire nivolumab e ipilumumab da soli o nivolumab e ipilimumab più chemioterapia.

• Con espressione negativa (0%) e bassa positiva di PD-L1 (TPS 1%-49%), non-SCC e PS 0-1, i medici possono offrire nivolumab e ipilimumab da soli o nivolumab e ipilimumab più chemioterapia.

• Con un’elevata espressione di PD-L1, SCC e PS 0-1, i medici possono offrire atezolizumab come agente singolo.

• Con un’elevata espressione di PD-L1, carcinoma a cellule squamose (SCC) e PS 0-1, i medici possono offrire nivolumab e ipilimumab da soli o in combinazione con due cicli di chemioterapia a base di platino.

• Con espressione negativa o debolmente positiva di PD-L1, SCC e PS 0-1, i medici possono offrire nivolumab e ipilimumab da soli o in combinazione con due cicli di chemioterapia a base di platino.

• Con i tumori non-SCC che hanno ricevuto un inibitore del checkpoint immunitario e chemioterapia come terapia di prima linea, i medici possono offrire paclitaxel di seconda linea più bevacizumab.

• Con non-SCC, che hanno ricevuto chemioterapia con o senza bevacizumab e terapia con inibitori del checkpoint immunitario, i medici dovrebbero offrire le opzioni di pemetrexed, docetaxel o paclitaxel più bevacizumab come agente singolo di terza linea.

 

 

Terapia per il cancro del polmone non a piccole cellule in stadio IV

con alterazioni del driver: ASCO Living Guideline

Navneet Singh, Sarah Temin, Sherman Baker Jr, et al.

 

Riassunto

Scopo: Fornire raccomandazioni basate sull’evidenza che aggiornano le linee guida ASCO e Ontario Health (Cancer Care Ontario) 2021 sulla terapia sistemica per i pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) in stadio IV con alterazioni genetiche delle “driver”.

Metodi: ASCO ha aggiornato le raccomandazioni sulla base di una revisione sistematica in corso di studi randomizzati di controllo dal 2020 al 2021.

Risultati: questo aggiornamento delle linee guida riflette i cambiamenti nelle prove rispetto all’aggiornamento precedente.   Due studi clinici randomizzati forniscono la base di di questo aggiornamento. I risultati della revisione sistematica della letteratura includono efficacia e sicurezza dei trattamenti.

 

Raccomandazioni:

  • Per i pazienti con un riarrangiamento della chinasi del linfoma anaplastico (ALK), un performance status (PS) di 0-2 e un NSCLC non precedentemente trattato, i medici dovrebbero offrire alectinib o brigatinib o lorlatinib.
  • Per i pazienti con un riarrangiamento ALH, un PS di 0-2 e NSCLC non precedentemente trattato, se alectinib, brigatinib o lorlatinib non sono disponibili, i medici dovrebbero offrire ceritinib o crizotinib.
  • Per i pazienti con un riarrangiamento RET, un PS di 0-2 e NSCLC precedentemente non trattato, i medici possono offrire selpercatinib o pralsetinib. In seconda linea, per i pazienti con un riarrangiamento RET che non hanno ricevuto una terapia mirata a RET, i medici possono offrire selpercatinib o pralsetinib.

 

Ulteriori informazioni sono disponibili all’indirizzo www.asco.org/thoracic-cancer-guidelines.

A Novembre, mese di sensibilizzazione del cancro al polmone, le città italiane aderiscono alla campagna

Illumina Novembre  e si illuminano di bianco.

Per informare che oggi ci sono nuovi strumenti per combattere le neoplasie polmonari: lo screening, l'immunoterapia

e i farmaci mirati