Assistenza sanitaria fuori regione

Assistenza sanitaria fuori regione

CONTESTO

Il Servizio sanitario nazionale (SSN) è un sistema di strutture e servizi che hanno lo scopo di garantire a tutti i cittadini, in condizioni di uguaglianza, l’accesso universale all’erogazione equa delle prestazioni sanitarie, in attuazione dell’art.32 della Costituzione, sulla base dei diritti di Universalità (estensione delle prestazioni sanitarie a tutta la popolazione), Uguaglianza ed Equità.
Il SSN nella pratica applica questo principio (Universalità) attraverso la promozione, il mantenimento e il recupero della salute fisica e psichica di tutta la popolazione con una organizzazione capillare sul territorio nazionale i cui servizi sono erogati dalle Aziende sanitarie locali, dalle Aziende ospedaliere e da strutture private convenzionate con il SSN. Tutti garantiscono, in modo uniforme, i Livelli essenziali di assistenza (LEA) alla popolazione.
I cittadini devono accedere alle prestazioni del SSN senza nessuna distinzione di condizioni individuali, sociali ed economiche.
A tutti i cittadini deve essere garantita parità di accesso in rapporto a uguali bisogni di salute. Questo è il principio fondamentale che ha il fine di superare le diseguaglianze di accesso dei cittadini alle prestazioni sanitarie.
I principi fondamentali del SSN vengono affiancati dai principi organizzativi che sono basilari per la programmazione sanitaria, (v. tempi di attesa nella prestazioni oncologiche) tra cui il dovere della programmazione sanitaria di anteporre la tutela della salute dei cittadini (che rappresenta il motivo principale dell’istituzione del Ssn) a tutte le scelte, compatibilmente alle risorse economiche disponibili.
La Costituzione prevede per la tutela della salute competenze legislative dello Stato e delle Regioni. Lo Stato determina i LEA che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale. Mentre le Regioni programmano e gestiscono in piena autonomia la sanità nell’ambito territoriale di loro competenza.
Stato, Regioni, Aziende e Comuni, nei rispettivi ambiti di competenze, devono collaborare tra di loro, con l’obiettivo di assicurare condizioni e garanzie di salute uniformi su tutto il territorio nazionale e livelli delle prestazioni sanitarie accettabili e appropriate per tutti i cittadini.

Fonte Ministero della Salute


Salve, avvocato.
I miei quesiti riguardano l’assistenza sanitaria fuori regione.

1) Come ci si deve comportare quando si ha necessità di effettuare una serie di esami diagnostici urgenti (e contrassegnati come tali nella richiesta dello specialista) e la propria regione di residenza non dia la disponibilità a effettuarli con la dovuta tempestività?

2) E nel caso in cui si abbia necessità di soggiornare nei pressi di una determinata struttura ospedaliera ci sono delle agevolazioni per il malato e il proprio accompagnatore, per quanto riguarda viaggio e alloggio/pernottamento?

La ringrazio per l’attenzione.

Ivana

Gentilissima Ivana...

la situazione varia da Regione a Regione.
Tutte prevedono il rimborso spese viaggio e trasporti, a patto che si tratti di mezzi pubblici e conservando gli scontrini.
Ciò vale sia per il malato sia per l’accompagnatore, quando però la patologia prevede necessità di assistenza.
Le consiglio di rivolgersi alla sua ASL di appartenenza che ha anche moduli da compilare per la richiesta di rimborso

Vi auguro ogni bene

 


Cordialmente,
avv. Mara Piscitelli

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Sei un malato di cancro al polmone?  

 

NON FERMARTI QUI.  VISITA LA NOSTRA HOME.

Solo da lì è possibile accedere a tutti i servizi che ALCASE Italia mette a disposizione per te!

    Per altre pagine clicca ovunque, fuori dal riquadro