OK del ministero ai test diagnostici urgenti per malati oncologici polmonari con sintomi d’ infezione da COVID 19

OK del ministero ai test diagnostici urgenti per malati oncologici polmonari con sintomi d’ infezione da COVID 19

Pubblicata il 2/4/20 alle 16:24:

Lettera aperta al ministro della Salute Roberto Speranza

Oggetto: Test diagnostici domiciliari urgenti per pazienti oncologici polmonari con sintomi sospetti d’infezione da coronavirus

Stim.mo Ministro Roberto Speranza,

Mi rivolgo nuovamente a Lei, nella mia qualità di Presidente di ALCASE Italia ODV, facendo riferimento alla gravissima emergenza che tocca tutto il Paese, per segnalarLe la necessità di emettere disposizioni immediate perché siano sottoposti a test diagnostici domiciliari urgenti tutti i malati oncologici polmonari che evidenziano sintomi sospetti d’infezione da coronavirus, indipendentemente dalla regione e dalla località in cui essi risiedono. E perché tali disposizioni siano diffuse, nel più breve tempo possibile ed in modo capillare, alle Aziende Sanitarie Locali su tutto il territorio nazionale e all’Ordine dei Medici. E’ importante, infatti, raggiungere al più presto anche i medici di base che, in primis, hanno la responsabilità di richiedere alle ASL di competenza la rapida esecuzione (non oltre i due giorni) di tali test.

La mia richiesta è motivata dal caso di una paziente di cancro del polmone sottoposta a lobectomia, la quale da 10 giorni evidenziava sintomi riconducibili ad un possibile contagio da COVID 19. La signora in questione, che si è subito autoisolata in una stanza di casa, vivendo con il figlio, contattava il medico di base che richiedeva un tampone, con urgenza, presso l’ASL di competenza, tampone che però sarebbe stato programmato nei 5/10 giorni successivi alla richiesta.

Come ben sappiamo, anche grazie alle chiare indicazioni del prof. Locatelli (tavolo del 5 marzo su “prime raccomandazioni per patologie specifiche”), particolare attenzione va posta ai pazienti sottoposti a trattamento chirurgico per tumori a localizzazione polmonare, con trattamento che abbia comportato un sacrificio parziale o totale di parenchima polmonare (v. Raccomandazioni per la gestione dei pazienti oncologici e onco-ematologici in corso di emergenza da COVID-19).

Ma non solo le persone sottoposte a un pregresso intervento di resezione polmonare per cancro al polmone sono particolarmente a rischio. Lo sono anche (forse ancora di più) quelle che convivono con un tumore al polmone che non è più operabile (e magari è sottoposto a terapie immunodepressive). In questo caso, il tumore, una massa estranea che sostituisce il normale parenchima polmonare, può comportare importanti riduzioni della ventilazione e collassi periferici dello stesso (tecnicamente atelettasie) e può determinare un alto rischio di infezione per le frequenti ostruzioni bronchiali associate. Anche in questo caso, dunque, è assai alto il rischio di morte per infezione da COVID 19: andrebbe a colpire un organo già gravemente minato dal tumore.

La prego perciò di attivare tutte le strategie necessarie al fine di tutelare la vita dei pazienti più fragili e più a rischio di soccombere al coronavirus.

Certa della Sua sensibilità e della Sua indubbia efficienza nell’affrontare questo nemico comune, che è ancora più temibile per i malati di cancro al polmone, La ringrazio e Le porgo distinti saluti.

Prof.ssa Deanna Gatta

Presidente ALCASE Italia
Alliance for Lung Cancer Advocacy, Support and Education

Boves, Lì  4/4/20

Il Ministero ha recepito la preoccupazione di ALCASE, dandole una risposta con questo documento:

3/4/20: Pandemia di COVID-19 – Aggiornamento delle indicazioni sui test diagnostici e sui criteri da adottare nella determinazione delle priorità. Aggiornamento delle indicazioni relative alla diagnosi di laboratorio.

In sostanza, si ribadisce che il cosiddetto “tampone” va fatto a tutte le persone che presentano sintomi da coronavirus e, in caso di necessità (cioè quando il test non possa esser fatto tempestivamente), alcune categorie hanno la priorità.

Fra queste, come da noi richiesto, i malati di cancro al polmone.  Citiamo testualmente: “le persone a rischio di sviluppare una forma severa della malattia e fragili, come le persone anziane con comorbidità quali malattie polmonari, tumori, ecc…”.

Come noi raccomandavamo, la direttiva è stata inviata, non soltanto a tutti gli organi centrali e periferici della pubblica amministrazione, ma anche agli ordini delle professioni collegate alla sanità ed, in primis, alla FEDERAZIONE NAZIONALE ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI.

Siamo molto lieti di ciò, indipendentemente dal fatto di essere stati parte del risultato finale, perché, da oggi, chi di voi, cari malati e caregivers, leggerà queste righe e dovrà fare un tampone fra 10/15 giorni perché “non c’è posto prima“, potrà appellarsi alla priorità che deriva dalla sua particolare condizione

Il team di ALCASE

Sei un malato di cancro al polmone?  

 

NON FERMARTI QUI.  VISITA LA NOSTRA HOME.

Solo da lì è possibile accedere a tutti i servizi che ALCASE Italia mette a disposizione per te!