Campagna nazionale per lo screening del cancro al polmone

Campagna nazionale per lo screening del cancro al polmone

stop cancro polmone

ALCASE Italia si è già occupata, più volte e non da ieri, di screening del cancro al polmone con TAC a basso dosaggio (o TAC spirale) per il cancro del polmone… Di seguito proponiamo i links ai principali articoli (dai più recenti ai più vecchi):
– Le raccomandazioni governative USA per lo screening
– LINEE GUIDA PER LO SCREENING
– Ancora sullo screening.. Un parere autorevole
– Screening di massa per il cancro al polmone: cosa dicono gli esperti
– Screening e diagnosi precoce

E’ importante leggere, più degli altri, i primi due articoli su citati, non solo perché più recenti, ma anche -e soprattutto- perché presentano la posizione di tutte le società medico-scientifiche interessate allo screening (la quale a sua volta è sostanzialmente fondata sui risultati del National Lung Screening Trial americano). Per farne una estrema sintesi, potremmo dire che, nei soggetti ad alto rischio di sviluppare un cancro al polmone per essere o essere stati forti fumatori, è stato dimostrato (ed universalmente accettato) che:
1. lo screening del cancro al polmone è in grado di riconoscere molti tumori in una fase ancora assolutamente iniziale di crescita;
2. la completa resecabilità chirurgica e la sopravvivenza sono maggiori nei soggetti con tumori scoperti mediante screening rispetto ai controlli;
3. anche la sopravvivenza dell’intero gruppo sottoposto a screening è maggiore di quello non sottoposto a screening.
In conclusione, se lo screening del cancro al polmone con TC a basso dosaggio fosse applicato regolarmente A TUTTE le persone a rischio, molte vite umane sarebbero salvate. Per questa ragione la Task Force americana per i servizi di prevenzione raccomanda lo screening a tutti i soggetti di età uguale o superiore a 55 anni forti fumatori ed ex-forti fumatori”


IL PERCHE’ DELLA CAMPAGNA
Recentemente, negli Stati Uniti, molte associazioni di pazienti si sono mosse per ottenere lo screening gratuito per tutti gli americani meno abbienti, chiedendo a MEDICARE di coprirne le spese.  QUI L’ELENCO
ALCASE Italia condivide la visione di quelle associazioni.

COSA CHIEDIAMO
ALCASE Italia chiede al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) di:
1. organizzare una rete di centri di screening del cancro al polmone su tutto il territorio nazionale;
2. offrire gratuitamente lo screening a tutti i cittadini italiani di età compresa fra i 55 e i 74 anni di età che siano o siano stati (fino a 15 anni prima dell’invito a partecipare) forti fumatori (almeno 30 pacchetti/anno).

COME SI SVOLGERA’ LA CAMPAGNA
1. Attraverso i nostri social networks Campagna su Facebook, pagina Facebook,  Twitter, Youtube ci rivolgeremo direttamente al nostro pubblico, composto principalmente da persone e famiglie colpite dal cancro del polmone e chiederemo loro di condividere tutte le nostre iniziative ed informazioni e di farsi loro stessi promotori della campagna.

Chiederemo loro di firmare e far firmare la nostra petizione su CHANGE.ORG oppure direttamente sul modulo cartaceo scaricabile QUI, che va restituito in sede dopo averlo completato. Soprattutto chiederemo loro, come in questo caso, di “metterci la faccia”..

2. Ci rivolgeremo, inviando copia di questa pagina, ai giornalisti della carta stampata, del web e delle radio-televisioni perché ci aiutino a far sentire la nostra voce.

3. Rivaluteremo periodicamente i risultati della campagna e decideremo come continuare.

NON SARA’ DOMANI O DOPO DOMANI, NON SARA’ FORSE NEANCHE FRA UN ANNO CHE TUTTI GLI ITALIANI A RISCHIO DI CANCRO AL POLMONE POTRANNO BENEFICIARE DEL NOSTRO IMPEGNO… MA CERTAMENTE CIO’ AVVERRÀ, PERCHÉ’ LA NOSTRA E’ UNA CAMPAGNA PER IL PROGRESSO E NOI SIAMO CERTI CHE, ANCHE IN QUESTO CAMPO, L’ITALIA SAPRÀ’ RITROVARE IL GRANDE FUTURO CHE LE APPARTIENE.

ALCASE Italia
Per questa campagna sono stati prodotti diversi video, pubblicati su YouTube, visibili QUI