Notizie Flash parte II

dalla Ricerca Mondiale

Home / Education / Notizie Flash parte II

Test completo di Biopsia liquida
Sempre più vicina la biopsia liquida alla portata di tutti, in grado di rilevare fino a 300 mutazioni del genoma tumorale! Identificare queste mutazioni uniche aiuta i medici a determinare un piano di trattamento personalizzato per ogni singolo paziente in base alle mutazioni specifiche identificate. < Tecnomedicina > – Pubblicato il 07/09/2020

App per monitorare i malati
In Francia è stata registrata una app medico di classe I che viene prescritta (e rimborsata) nel follow-up del tumore del polmone. Ho lo scopo di fornire agli operatori sanitari uno strumento digitale per monitorare i loro pazienti. < Corriere della Sera > Pubblicato il 06/09/2020

App per monitorare i malati
In Francia è stata registrata una app medico di classe I che viene prescritta (e rimborsata) nel follow-up del tumore del polmone. Ho lo scopo di fornire agli operatori sanitari uno strumento digitale per monitorare i loro pazienti. < Corriere della Sera > Pubblicato il 06/09/2020

Tepotinib per mutazione RET
Tepotinib è il nuovo farmaco in grado di trattare la mutazione MET dell’esone 14 (a cui abbiamo dedicato un nostro recentissimo articolo ) che potrebbe essere approvato per l’uso umano negli USA, già dall’anno prossimo. < PharmaPhorum >Pubblicato il 04/09/2020

Sintilimab più chemioterapia
ORIENT-11, uno studio randomizzato in doppio cieco di fase III, ha mostrato un aumento quasi doppio della sopravvivenza libera da progressione con l’aggiunta di sintilimab alla chemioterapia in pazienti con tumore polmonare avanzato o metastatico non squamoso non a piccole cellule. <XagenasalutePubblicato il 02/09/2020

Piccolo studio su Osimertinib
Conclusioni di un piccolo studio in 13 pazienti: Osimertinib ha un’attività antitumorale limitata nei pazienti con NSCLC mutato nell’esone 20 di EGFR, con un ORR (tasso di risposta oggettiva) del 5%. < PubMed > Pubblicato il 31/08/2020

Diminuiti i tassi di mortalità
Secondo uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine, negli ultimi anni i tassi di mortalità per carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) sono diminuiti significativamente negli Stati Uniti, grazie ai recenti progressi nelle opzioni di trattamento per il NSCLC. < National Cancer Institute > Pubblicato il 30/08/2020

Mobocertinib (TAK-788)
Si fa strada un nuovo farmaco per la mutazione EGFR dell’esone 20. < Targeted Oncology > –  pubblicato il 27/08/2020

Resezione dopo chemio e radio in stadio IIIA
Quando la operazione diventa, essa a sua volta, la terapia adiuvante del NSCLC in stadio IIIA, dopo chemio-irradiazione a dosi piene… Riportati si PubMed i buoni risultati (in termini di tolleranza ed efficacia) di una ampia casistica istituzionale americana. < PuBMed > – Pubblicato il 26/08/2020

Terapia neo-adiuvante con immunoterapici
In pazienti selezionati, la terapia neo-adiuvante con immunoterapici è ben tollerata e può indurre una remissione completa del tumore. Il trattamento con immunoterapici non ha alcun impatto negativo sulla procedura chirurgica. La prognosi sembra essere promettente in caso di remissione patologica, completa o anche parziale… In conclusione, ci vogliono ulteriori prove a favore, ma sempre più si ha la sensazione che un nuovo, piccolo progresso terapeutico è a portata di mano. < PuBMed >   – Pubblicato il 22/08/2020

Una vitamina in aggiunta alla terapia ?
Scienziati dell’università di Mosca avrebbero dimostrato in vitro che la cocarbossilasi (vit.B1), ampiamente utilizzata in medicina per il diabete, i reni, le malattie epatiche, l’insufficienza cardiaca, ad alte dosi sarebbe tossica per le cellule tumorali e non per quelle sane normali.  International Journal of Molecular Sciences Pubblicato il 06/09/2020

Selpercatinib per NSCLC RET-mutato
Un importante studio di fase I/II consacra il SELPERCATINIB come un farmaco assai efficiente e con un’efficacia duratura, inclusa l’attività intracranica, con effetti tossici di basso grado nei pazienti con NSCLC positivo alla fusione RET che avevano ricevuto chemioterapia a base di platino e in quelli che non erano stati precedentemente trattati. In questa indicazione il selpercatinib si aggiunge al PRASELTINIB. <  The New England Journal of Medicine> – Pubblicato il 05/09/2020

Enterococchi e immunoterapia
Un virus che si replica nei batteri enterococchi dell’intestino può potenziare gli effetti delle terapie anti-cancro. Studi condotti sui topi dimostrano che la presenza di un virus intestinale induce una  reazione da parte del sistema immunitario, che riesce così a riconoscere e attaccare anche le cellule tumorali. Fonte Latina Oggi  > – Pubblicato il 03/09/2020

Studio retrospettivo multicentrico (EVERMORE)
Broncoscopia integrata nel trattamento del carcinoma polmonare non di piccole dimensioni localmente avanzato con ostruzioni delle vie aeree maligne centrali: meglio liberare subito i bronchi da un’ostruzione tumorale, piuttosto che aspettare se e quando lo farà la radioterapia esterna. – Pubblicato il 31/08/2020

Ensartinib, per giovani e non fumatori
Il nuovo farmaco anti-ALK, ENSARTINIB, migliora in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione. Lo ha dimostrato uno studio internazionale di fase III alla della Conferenza mondiale sul tumore del polmone (WCLC 2020) dell’International Association for the Study of Lung Cancer (IASLC) <Corriere Nazionale>  – Pubblicato il 30/08/2020

Sintilimab, nuovo immunoterapico anti PD-L1
Eli Lilly e Innovent Biologics hanno ampliato l’accordo per sintilimab come trattamento di prima linea per il tumore polmonare avanzato o ricorrente non squamoso non a piccole cellule senza mutazioni di EGFR o riarrangiamenti di ALK. L’obiettivo è rendere il farmaco accessibile ai pazienti a livello globale. – Pubblicato il 28/08/2020

Studio INCREASE
Studio olandese che parte in questi giorni La terapia ad oggi approvata per il NSCLC in stadio IIIA è la radio-chemioterapia. In questo studio alla stessa si aggiungerà la immunoterapia (in neo-adiuvante) e la chirurgia (in adiuvante). <PubMed>  – Pubblicato il 27/08/2020

Trilaciclib, possibile farmaco per microcitoma
Promettente novità per il trattamento di pazienti con carcinoma polmonare a piccole cellule (microcitoma) che stanno ricevendo chemioterapia. Si profila l’arrivo di un nuovo farmaco, il TRILACICLIB, che diminuisce la tossicità midollare della chemio. Per ora -e questa è la notizia- ha avuto una mezza approvazione dalla FDA americana (Food and Drug Administration, ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti farmaceutici) – <Healio> – Pubblicato il 26/08/2020

A Novembre, mese di sensibilizzazione del cancro al polmone,
le città italiane aderiscono alla campagna Illumina Novembre 

e si illuminano di bianco.
Perché?

 


Per informare sulla patologia e soprattutto sui nuovi strumenti terapeutici e diagnostici, ed in particolare sui test molecolari.