Medline e PubMed: cosa sono e perché é meglio conoscerli?…

Medline e PubMed: cosa sono e perché é meglio conoscerli?…

Oggi vorrei parlarvi di  Medline e PubMed.

Quando diamo informazioni sui i risultati di nuovi studi e ricerche, li citiamo spessissimo. Li citiamo, soprattutto, nei nostri post pubblicati sui social media, e su Facebook in particolare: https://www.facebook.com/alcase.italia/, dove quasi la metà dei post sono dedicati alla ricerca medica sul cancro al polmone.

Ma che cosa sono Medline e PubMed?

Si tratta di due banche dati.  Il il termine Medline è spesso utilizzato come sinonimo di PubMed, ma non sono esattamente la stessa cosa.

Medline è un database bibliografico creato e gestito dalla National Library of Medicine (NLM), la Biblioteca Nazionale di Medicina degli Stati Uniti, ed è la versione digitale di MEDLARS® (MEDical Literature Analysis and Retrieval System), nata nel 1964. Contiene circa 23 milioni di schede bibliografiche, dal 1964 a oggi, e alcune addirittura precedenti. Indicizza circa 5.600 riviste di interesse biomedico pubblicate in tutto il mondo, in più di 40 lingue. È costantemente aggiornato: vengono aggiunte nuove schede bibliografiche ogni giorno.  Le risorse indicizzate in Medline vengono selezionate accuratamente, in base all’argomento, relativo alle discipline biomediche, al contenuto, valido, originale e significativo per la comunità scientifica e ai criteri di pubblicazione della rivista che lo ospita, con particolare attenzione alla metodologia di selezione e revisione degli articoli.
Un team di esperti – documentalisti con formazione in ambito biomedico – redige le schede bibliografiche (o record) con tutte le informazioni relative alla risorsa; ne analizza inoltre il contenuto, attribuendo una serie di parole chiave che ne descrivono analiticamente gli argomenti principali: questo processo si chiama indicizzazione. Le parole chiave utilizzate per l’indicizzazione dei record all’interno di Medline si chiamano MeSH (Medical Subject Headings).
PubMed (www.pubmed.gov) è un servizio del National Center for Biotechnology Information (Centro Nazionale di informazione Biotecnologica) della NLM.  Comprende al suo interno Medline (che ne costituisce circa l’89%) oltre alle seguenti risorse bibliografiche:

  • risorse non ancora indicizzate in Medline (circa il 2,5%): il processo di indicizzazione richiede tempo, e per rendere l’informazione bibliografica immediatamente disponibile dopo la pubblicazione, viene inserita all’interno di PubMed. Quando l’indicizzazione verrà completata la scheda bibliografica verrà aggiornata e la risorsa inserita a pieno titolo in Medline;
  • citazioni segnalate dall’editore (meno del 2%): informazioni bibliografiche presenti in PubMed perché segnalate da chi ha pubblicato la risorsa. Non vengono incluse in Medline perché non viene applicato il rigoroso processo di indicizzazione applicato agli articoli pubblicati in Medline, ma sono comunque disponibili alla ricerca all’interno di PubMed;
  • citazioni provenienti dal “Vecchio Medline”(circa l’1%): alcune risorse sono state inserite in Medline diversi anni fa, quando non erano applicati tutti i rigorosi criteri di indicizzazione utilizzati ora. Le risorse non sono considerate parte integrante di Medline, ma sono disponibili su PubMed.

Contrariamente alla maggior parte delle banche dati, PubMed è disponibile alla consultazione gratuita su www.pubmed.gov.  Non tutti gli articoli, anzi la assoluta maggioranza degli articoli non sono disponibili nel loro testo completo (in “full text”), ma è quasi sempre disponibile il loro riassunto (“summary”).

Per saperne di più: https://www.nlm.nih.gov/services/faqmed.html

Gianfranco Buccheri

GIANFRANCO BUCCHERI

[/cmsms_icon_box]

Leave a Reply

Your email address will not be published.