1 Agosto, Giornata Mondiale del Tumore al Polmone: LA MIA VOCE

1 Agosto, Giornata Mondiale del Tumore al Polmone: LA MIA VOCE

Dal 2012, il 1 agosto si celebra il “World Lung Cancer Day (WLCD)”, la Giornata Mondiale del Tumore al Polmone. E’ una occasione per far sentire agli ammalati ed alle loro famiglie l’affetto e la vicinanza di tutti. Il WLCD è anche l’occasione per diffondere la conoscenza dei fattori di rischio del cancro al polmone, come quella dei benefici di una diagnosi precoce. E infine è l’occasione per ribadire la speranza che venga un mondo dove non vi siano più vittime del “Big Killer”, che oggi in Italia, da solo, rappresenta il 20% di tutte le morti per tumore.
E’ ormai tempo che anche in Italia si pensi allo screening per il cancro al polmone e alle ‘Lung Unit’: unità specializzate per la cura del tumore del polmone, sull’esempio delle ‘Breast Unit’ del cancro al seno. Occorrono infatti chiari punti di riferimento per i pazienti, formati da team medici multi-specialistici, altamente qualificati, e specificamente dedicati. Solo così si potranno assicurare i migliori standard terapeutici, dalla diagnosi alle terapie più innovative.

Quest’anno ALCASE ha fatto una ulteriore riflessione:

Il 1 agosto è la giornata di malati e “caregivers”, come si diceva. Spesso, però, i malati e i loro familiari non hanno voce, non riescono a passare attraverso il muro dell’indifferenza.

Secondo ALCASE il 1 agosto dovrebbe invece tradursi in una giornata che faccia emergere un vero senso di umanità: partecipazione, empatia, rispetto e condivisione, una giornata per rifiutare la spersonalizzazione, per allontanare, da chi è in terapia, o da chi la attende o da chi la cerca la sensazione, la sensazione di essere in balia degli avvenimenti, di essere alla mercé di questo o quell’altro protocollo o di essere intrappolato nelle reti del sistema sanitario.

ALCASE vuole dare spazio a dubbi, richieste, bisogni di pazienti e famigliari. Vuole, fra l’altro, che si sgombri il campo da quel frequente stato di sudditanza che avvolge il malato quando entra nel vortice dei percorsi diagnostici e terapeutici.

Cambiare la situazione si può, cambiare gli approcci si può, insieme, perché la “personalità collettiva” è più alta e più forte della somma delle personalità individuali. Questo è il senso dell’iniziativa “1 AGOSTO: LA MIA VOCE”

1 AGOSTO: LA MIA VOCE

Scrivici cosa, nel tuo essere malato di cancro al polmone,…

– ti ha umiliato psicologicamente?
– hai apprezzato di più?
– hai detestato di più?
– avresti voluto fosse diverso nel sistema sanitario pubblico?
– vorresti che gli altri sapessero?

Tutte le voci verranno pubblicate sul sito e sui social, col tuo nome e cognome (oppure, se lo desideri, con le iniziali)

Ti aspettiamo.

Leave a Reply

Your email address will not be published.